Nel settimanale Chi, l’intervista ad Antonio Ricci: le dichiarazioni

Chi, l’intervista ad Antonio Ricci: “La Fagnani? Una merla con il collare. La Ferragni? Si è fatta male da sola. I miei bersagli? Sono sicuro che me li mandi Dio”.

Sul numero di Chi in edicola dall’8 maggio Antonio Ricci, il papà di Striscia la notizia, analizza la realtà con la consueta ironia. Sulla presunta pubblicità occulta di gioielli da parte di Francesca Fagnani a Belve, evidenziata dal Tg satirico, Ricci dice: «A me la Fagnani sta simpatica e la trovo molto brava. Ritengo da sempre che la tv non sia una finestra sul mondo, ma sul mercato, e voglio dimostrarlo. La Fagnani indossa i gioielli senza citare il brand, perché non può, allora il brand, sui suoi canali, la ringrazia per averli indossati e lei mette “mi piace”. Ma non lo dico io, lo dice l’Ordine dei giornalisti: i giornalisti non possono fare pubblicità. Ci raccontano un sacco di favole, conosco questo mondo e c’è sempre qualcuno che trae vantaggio. Può essere anche che uno crei vantaggio ad altri senza saperlo, ma allora non sei una “belva”, sei una “merla” con il collare…».

Leggi anche Dayane Mello torna in TV: l’annuncio ammalia i fan. Ecco dove e quando

Sul futuro di Striscia dice: «Pensavo che prima o poi sarebbe finita e, invece, ce n’è sempre una, ci si diverte. Questo è un periodo florido: Vannacci, Fassino, Fagnani, non ci si annoia mai». Sulla sua fama “diabolica”, Ricci confessa: «Io mi considero santo. C’è da dire, però, che anche il diavolo si considera santo. I miei bersagli? Sono sicuro che me li mandi Dio… Chi prendiamo di mira può redimersi. Ho letto che Flavio Insinna, di cui mandammo dei fuorionda infuocati, ha detto che era su una via strana, ha ripensato a un certo modo di vedere il lavoro. Mi fa piacere pensare di potergli credere». E sul pandoro gate: «A Chiara Ferragni ha fatto più male chi l’ha denunciata per il pandoro o il video in cui lei stessa in tuta parla di un errore di comunicazione? Devi pensarci prima, se non sei obnubilato dici: “Io, comunque, devolvo subito una cifra all’ospedale, poi vediamo come andrà la vendita dei pandori”, non sto ad aspettare la decisione dell’Antitrust. Perché se lo fai solo dopo essere stata sanzionata, non basterà nemmeno un milione di euro per ricomprarti l’integrità»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi