Fano, arrestato per l’omicidio volontario della moglie. I dettagli

Fano, arrestato per l'omicidio volontario della moglie. I dettagli

Fano, arrestato per l’omicidio volontario della moglie poi tenta di togliersi la vita ingerendo psicofarmaci. I dettagli

Angelo Sfuggiti, pensionato di 70 anni, ha ucciso la moglie, Rita Talamelli, di 66 anni, e poi ha ingerito dei barbiturici, nella casa di famiglia a Fano (Pesaro Urbino). A lanciare l’allarme è stato uno dei figli della coppia, che rientrato a casa ha fatto la tragica scoperta. Allertati i soccorsi e le forze dell’ordine, si è poi scoperto che l’uomo ha strangolato la donna a mani nude e poi ha tentato il suicidio, ingerendo una massiccia dose di barbiturici. Nonostante ciò, l’uomo è stato soccorso e non sarebbe in pericolo di vita.

Il femminicidio è avvenuto nella serata di ieri, 20 novembre, nella periferia di Fano. Sul posto sono giunti gli agenti della Polizia di Stato, che sulla dinamica del femminicidio avrebbero le idee abbastanza chiare. Non è chiaro, invece, il movente del delitto. È solo trapelata la notizia che la donna era affetta da una patologia psichiatrica.

Leggi anche: Femminicidio di Giulia Cecchettin, ecco le accuse imputate a Turetta

Il marito della donna è stato dichiarato in arresto dalla polizia per omicidio volontario. Attualmente si trova presso l’ospedale Santa Croce di Fano. Solo l’esito dell’autopsia e degli esami della scientifica potranno chiarire gli aspetti che sono ancora in sospeso. Inoltre, dopo le indagini saranno valutate anche le possibili aggravanti.

Fonte immagine: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=721482776678838&set=pb.100064513674059.-2207520000&type=3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi