Caso Saman Abbas, identificata la salma da un dettaglio unico

Saman Abbas

Caso Saman Abbas, identificata la salma da un dettaglio unico. Si attendono nuovi riscontri medici per la causa del decesso

Appartiene a Saman Abbas il corpo rinvenuto il 18 novembre 2022 a Novellara, in un casolare abbandonato nei pressi dell’abitazione di famiglia della giovane.

A confermare la notizia è stato l’avvocato Barbara Iannucelli, che assiste l’associazione ‘Penelope’, parte civile nel processo che avrà inizio a febbraio. L’identificazione della salma è stata resa possibile grazie ad un’anomalia dentaria, confermata dal confronto con foto e video.

L’avvocato Iannucelli aggiunge: “L’osso ioide è fratturato nella parte sinistra e sono necessari accertamenti istologici per stabilire se questo sia avvenuto pre o post portem”. La frattura confermerebbe l’ipotesi dello strangolamento da parte dello zio, come sostenuto dall’accusa, ma saranno ulteriori accertamenti a darne conferma.

Aggiunge sempre Iannucelli: «La dottoressa ha richiesto l’integrazione con il tossicologo e il genetista con il quale procederemo all’analisi dei vestiti per capire se sugli stessi ci possono essere tracce di dna di altri soggetti. Adesso attendiamo l’udienza fissata per il 10 febbraio dalla Corte di Assise di Reggio Emilia per la nomina di questi altri consulenti. Noi, come associazione, siamo parte a tutti gli effetti di questi accertamenti. Per tutte le mamme dell’associazione Penelope che salutano i loro figli la mattina e non li vedono più per il resto della loro vita, siamo qui perché vorremmo essere la famiglia di Saman e cercare di fare giustizia per lei».

Leggi anche: Milano, un uomo di 81 anni cerca di uccidere una 50enne. L’accaduto

Alla notizia dell’identificazione, la premier Giorgia Meloni ha rilasciato su twitter un commento: “Purtroppo non ci sono più dubbi, Saman Abbas è stata uccisa. Il corpo ritrovato a Novellara appartiene alla 18enne pachistana. A febbraio inizierà il processo che vedrà imputati i suoi familiari: sia fatta giustizia per una giovane innocente che voleva solo vivere la sua libertà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *