Brescia, famiglia con figlio disabile aggredita da una baby gang

Brescia, famiglia con figlio disabile aggredita da una baby gang

Brescia, famiglia con figlio disabile aggredita da una baby gang. Usate una bottiglia di vetro e una mazza da baseball

Una tranquilla gita al parco si è trasformata in un incubo per una famiglia di Gardone Val Trompia (Brescia), che è stata brutalmente aggredita da un gruppo di circa 20 ragazzini di circa 16 anni.

Secondo quanto raccontato agli investigatori, la baby gang aveva rubato una cassa acustica da 400 euro ad un membro della famiglia, un 20enne con grave disabilità. I giovani avevano fatto sapere di essere intenzionati a restituirla, quindi concordano un incontro in un parco pubblico, che poi è degenerato in un’aggressione nella quale è stata usata anche una mazza da baseball e alcune bottiglie.

Ad avere la peggio sono stati il fratello maggiore e il padre del giovane disabile, che sarebbero stati colpiti il primo con la bottiglia di vetro, il secondo con la mazza da baseball. Sono in corso le indagini per identificare i membri della baby gang. La notizia dell’aggressione è stata ripresa da diversi media locali e nazionali.

Non ancora è chiara del tutto la dinamica dell’aggressione, forse innescata dal tentativo del fratello maggiore di recuperare la cassa con la forza. Stando agli ultimi aggiornamenti, le forze dell’ordine starebbero stringendo il cerchio attorno ai responsabili.

Leggi anche: Aggressioni tra giovanissimi, un fenomeno in crescita in Italia

L’episodio di Gardone Val Trompia ci ricorda ancora una volta il problema della violenza giovanile, che purtroppo è sempre più diffusa. È importante che le istituzioni e le famiglie collaborino per prevenire questi atti di teppismo e per educare i giovani al rispetto e alla tolleranza.

Foto di cottonbro studio: https://www.pexels.com/it-it/foto/uomo-edificio-in-piedi-cielo-azzurro-10506079/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi