Aurora Ramazzotti, il dolce TikTok pre-parto poi svela perchè ha partorito in Svizzera

Aurora Ramazzotti mostra un dolcissimo video dell’evoluzione della sua pancia all’ottavo mese e svela perchè ha deciso di partorire in Svizzera. Le sue parole

Aurora Ramazzotti è diventata mamma per la prima volta due giorni fa del piccolo Cesare. Mamma Aurora e papà Goffredo sono diventati genitori da sole poche ore e con gioia hanno annunciato la notizia condividendo sui social scatti romantici insieme al loro bebè. Aurora ha partorito in Svizzera dove tutt’ora si trova ancora in clinica, intanto sul suo profilo TikTok ha condiviso un dolcissimo video del suo ottavo mese di gravidanza. La nota influencer ha aggiunto come didascalia:  “Volevo monitorare la lievitazione”

Leggi anche –> Antonella Fiordelisi si assenta dai social e rivela il motivo: “Non posso dire altro”

Le parole della nota influencer: ecco cosa è emerso…

La Ramazzotti, figlia del cantante Eros e della conduttrice Michelle Hunziker in breve tempo ha raccolto milioni di visualizzazioni e tantissimi commenti al suo primo video da mamma. Aurora durante il TikTok ha mostrato l’evoluzione della pancia dell’ultimo mese di gravidanza prima di dare alla luce Cesare. La Ramazzotti ha così documentato e raccontato il cambiamento: “Ho deciso di registrare l’evoluzione della mia pancia dall’inizio dell’ottavo mese più o meno. […] 31 settimane e ancora molta energia. 32 settimane qua ha fatto un balzo notevole, 34 settimane perchè le 33 mi ero scordato e mi ero già trasferita in Svizzera. 35… ho deciso di partorire in Svizzera perchè c’è una struttura che mi piaceva molto, io sono nata lì.
36… non lo so voi vedete tante differenze io non proprio, 37 arrivata al limite della sopportazione umana credo. 38 ingresso in clinica convinta e felice di partorire il giorno stesso e invece ho partorito quattro giorni dopo, magari un giorno vi racconterò tutto quanto”, infine mamma Aurora conclude il video affermando: “Questa sono io oggi con il mio baby”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi