Zelensky: “La Russia conosceva i piani della nostra controffensiva”

Zelensky La Russia conosceva i piani della nostra controffensiva

Zelensky: “La Russia conosceva i piani della nostra controffensiva”. Poi aggiunge: “Milioni di persone saranno uccise senza aiuti Usa”

In occasione del secondo anniversario della invasione russa in Ucraina il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha rilasciato una intervista in cui ha parlato non solo del tragico bilancio di due anni di guerra, ma ha parlato anche del presente e del suo futuro. Il bilancio dei morti è pesante: sarebbero 31 mila i soldati uccisi in guerra a oggi.

Il presidente Zelensky ha parlato del 2024 come di un “anno di svolta” per l’Ucraina, sottolineando che il 2022 è stato “l’anno della sopravvivenza” e il 2023 è stato un “anno di resilienza”. Quindi ha aggiunto: “Quest’anno abbiamo bisogno di tutte queste cose, coraggio e resilienza per sopravvivere”.

Le recenti sconfitte dell’Ucraina sono state causate da due elementi. Il primo dalla mancanza di munizioni e dal fatto che il Cremlino conoscesse i piani di guerra ucraini. Ha dichiarato sempre Zelensky: “I piani della nostra controffensiva erano sul tavolo del Cremlino prima che la controffensiva iniziasse” a causa di “fughe di notizie”. Poi ha aggiunto che si stanno preparando diversi piani alternativi per la strategia di guerra per il 2024. Per garantire il successo è necessario che i Paesi sostengano militarmente l’Ucraina.

Il ministro ucraino della Difesa ucraino, Rustem Umerov, ha denunciato che la metà degli aiuti militari promessi arrivi in ritardo: “Le promesse non significano la consegna. Il 50% di quanto promesso non arriva in tempo. Così si perdono uomini e territorio. Questa è una guerra in cui gli alleati devono fornire i rifornimenti in tempo”.

L’Ucraina sta cercando di rimediare alla scarsità di munizioni facendo crescere la propria industria militare. Intervenuto alla stessa conferenza, il ministro per le Industrie strategiche, Oleksandr Kamyshin, ha dichiarato che la produzione è triplicata. Tuttavia, l’Ucraina ha bisogno di molte più munizioni di quante ne potrà fabbricare. Inoltre le necessità del fronte “sono maggiori della produzione di Stati Uniti e Ue messe insieme”. “Milioni di persone saranno uccise senza aiuti Usa”, ha poi sottolineato Zelensky.

Alla domanda se sia giunto il momento di negoziare con Vladimir Putin data la carenza di munizioni in Ucraina, ha detto Zelensky: “Si può parlare con un sordo? Si può parlare con un uomo che uccide i suoi oppositori?. Proporremo una piattaforma in cui (Putin) possa accettare di aver perso questa guerra e che è stato un enorme errore e una tragedia per noi e per il mondo democratico”. Sulle armi a lungo raggio, ha risposto Zelensky: “Non voglio parlarne in dettaglio, stiamo lavorando da lungo tempo sulle armi a lungo raggio e per dare una risposta generica, ho uno stato d’animo positivo dalle recenti risposte dei nostre partner riguardo a queste armi”.

Nel corso della conferenza stampa, il presidente ucraino ha anche parlata di una proposta di pace, auspicando che in primavera si possa tenere un vertice in Svizzera in cui possa essere stilato un piano di pace da consegnare alla Russia.

Leggi anche: Tragedia a Sanremo, camion investe due studenti e fugge. I fatti

Sui rapporti con l’Italia, ha affermato: “Meloni è dalla nostra parte, e sono molto grato alla vostra premier e sono felice dell’accordo che abbiamo siglato ieri, ma ci sono molti pro-Putin in Italia, e prima di tutti dovreste cancellare loro i visti. Anche questa è un’arma. Vedete cosa succede quando i russi si trovano in un paese, vedete la guerra in Ucraina, per questo credo che dovreste mandarli via”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.