Tragedia sul lavoro a Salemi: operaio muore cadendo da una pala eolica

Tragedia sul lavoro a Salemi operaio muore cadendo da una pala eolica

Tragedia sul lavoro a Salemi: operaio muore cadendo da una pala eolica. La vittima è morta sul colpo, aveva 33 anni

Tragedia sul lavoro a Salemi: un operaio di 33 anni, Giovanni Carpinelli, originario di Benevento, è morto sabato 11 maggio 2024 dopo essere precipitato da una pala eolica di circa di circa 112 metri. L’incidente è avvenuto nel cantiere di un nuovo impianto eolico in contrada Ulmi.

Le cause della caduta sono ancora da accertare. Carpinelli stava lavorando all’interno della pala eolica quando è precipitato nel vuoto. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, i carabinieri e i sanitari del 118, che ne hanno constatato il decesso. L’intervento di recupero del corpo da parte dei Vigili del fuoco è stato difficoltoso perché il corpo dopo la caduta si fermato a un’altezza di circa 48 metri. L’operaio lavorava per una ditta in subappalto di Napoli, la “Ivpc service srl”.

“Lavorava in una ditta in subappalto per l’installazione di turbine delle pale eoliche nel parco Vestas l’operaio morto a Salemi, in contrada Ulmi, nel Trapanese”. Lo rende noto il segretario dei metalmeccanici della Fiom siciliana Francesco Foti. “Come sempre – aggiunge – esce fuori che la causa di tutti questi morti sul lavoro è legato al mondo del subappalto, fatto di lavoratori precari e di sfruttamento. Perché il lavoro straordinario di sabato? Era così urgente?”.

Leggi anche: Caso Emanuela Orlandi, in una chat: “Dobbiamo far sparire quella roba della ragazza”

L’incidente di Salemi è l’ennesima tragedia che si verifica nel settore delle energie rinnovabili in Italia. Negli ultimi anni sono stati diversi i casi di operai morti o feriti gravemente mentre svolgevano il loro lavoro. “Un altro morto di lavoro in Sicilia. Mentre ancora piangiamo i 5 operai scomparsi a Casteldaccia questo pomeriggio un giovane ha perso la vita precipitando da una pala eolica a Salemi, in provincia di Trapani. Ma come si può accettare che un padre di famiglia esca da casa per guadagnarsi il pane e non faccia più rientro? Ora basta, bisogna garantire la sicurezza e la salvaguardia dei lavoratori. Il Governo si attivi subito”, ha detto il segretario regionale del Pd Sicilia, Anthony Barbagallo.

Foto di <a href=”https://pixabay.com/it/users/tomasz66-12778095/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=6183512″>tomasz jagla</a> da <a href=”https://pixabay.com/it//?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=6183512″>Pixabay</a>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi