Tendenze beachwear: trikini, bralette e due pezzi “furbi”. I modelli cool (e passe-partout) da portare in valigia

Dagli stampati ai trikini. Ma anche “pezzi furbi” e bikini che traggono ispirazione dai seducenti riad di Marracash. I modelli da portare in valigia per vacanze cool

Piacciono alle celebrities, ma anche alle it girl del momento. Sono i costumi must have dell’estate 2024, modelli cool che spaziano dai trikini alle bralette.

L’ispirazione dei costumi da portare in valigia è seducente  come i riad di Marracash con un chiaro rimando alla Dolce Vita e all’italianità. Non manca infatti tutto il bello della Costiera, con i suoi azzurri, i colori dei cedri e dei tramonti, ma anche delle spiagge protagoniste dei film d’autore dove le pin up di quegli anni erano solite valorizzare le curve con volant e shades audaci e brillanti.

La palette è dolce e speziata, per donne che vogliono farsi notare e desiderano valorizzare le curve e l’abbronzatura.

Tra i brand che hanno saputo abbracciare il trend sdoganato dalle celebrities sui social, c’è l’italianissimo Marina Abagnale con modelli esclusivi e pezzi unici. “More than beach” è infatti il claim della maison tricolore per l’estate 2024. Il motivo? Marina Abagnale propone pezzi da portare in valigia perfetti non solo per il mare ma anche per i party, la piscina e le gite al chiaro di luna. Tra i suoi modelli più ricercati e “furbi” il bikini d’ispirazione Chanel con bottoni dorati: ideale per valorizzare tutte le fisicità è perfetto da usare anche separatamente per combinare più look con un unico costume.

Gettonatissimi anche il trikini dal sapore anni ‘70 e il due pezzi con stampa maiolica e nappe.

Anche la proposta di capi di abbigliamento è ampia e ricercata grazie all’utilizzo di tessuti come il popeline, il voile di cotone, il satin leggero e il jersey. I Coord-Set diventano quindi veri e propri passe partout da utilizzare dall’alba al tramonto. Così come gli abiti scovolati e impalpabili.

Interessante e iper stiloso, il pantalone ampio da abbinare al bikini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi