Stupro di Caivano, scarcerato uno dei responsabili

Stupro di Caivano, scarcerato uno dei responsabili

Stupro di Caivano, scarcerato uno dei responsabili che è stato posto agli arresti domiciliari, ma andrà in Veneto

Il giudice per le indagini preliminari Fabrizio Forte ha concesso gli arresti domiciliari ad uno dei responsabili dello stupro delle due cuginette di Caivano. Si tratta del 19enne arrestato con l’accusa di violenze insieme a un 18enne e ad altri sette minorenni. Il gip ha accolto l’istanza del difensore del ragazzo nonostante il parere contrario della procura di Napoli.

Il giovane, però, a quanto si apprende dal Corriere della Sera, sarà affidato ad un parente che vive in Veneto e che si sarebbe reso disponibile ad accoglierlo. Secondo il giudice, sarebbe necessario l’allontanamento del giovane dall’ambiente di degrado dove si sono consumati gli abusi «innestati in un contesto territoriale di profonda incuria e abbandono e sono stati agevolati dal senso di appartenenza al gruppo criminale dei suoi membri, quasi tutti minorenni o poco più che maggiorenni».

Il 19enne ha lasciato dunque il carcere per raggiungere il Veneto: «Appare elemento piuttosto rassicurante – osserva il gip – in ordine alla rescissione dei legami con il predetto contesto, inducendo a confidare in un’adeguata capacità auto-contenitiva».

Leggi anche: Cop28, Giorgia Meloni L’Italia sta facendo la sua parte

Inoltre, a pesare molto sulla decisione del giudice ci sarebbero il fatto che il 19enne sarebbe affetto da un «ritardo mentale di grado medio con difficoltà di apprendimento», aggravato dalla detenzione in cella, e che verserebbe in «in precarie condizioni di salute psico-fisiche».

Foto di <a href=”https://pixabay.com/it/users/2023852-2023852/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=1218654″>2023852</a> da <a href=”https://pixabay.com/it//?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=1218654″>Pixabay</a>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.