Storie dall’Ucraina: Grigolo in pensiero per la compagna e il ballerino di Bari bloccato a Kiev

Drammatiche vicende umane arrivano dall’Ucraina

La guerra, sta mietendo tante vittime e sta spargendo dolore. Tra chi è in grande pensiero c’è il tenore Vittorio Grigolo.

A “Storie Italiana”, su Rai uno ha raccontato il dramma e la preoccupazione per la compagna Stefania Seimur in fuga dall’Ucraina.

Le parole di Vittorio Grigolo

A Eleonora Daniele, Grigolo ha detto: “Lei e le altre persone hanno passato il confine, sono a Varsavia. La gente ha assaltato il treno della vita dalla stazione di Kiev per recarsi verso i confini più sicuri, tra cui proprio quello della Polonia”.

E poi: “ Sappiamo che è salva, ma la cosa che mi preoccupa di più adesso è la salvezza di tutti, l’esigenza di ritrovare l’armonia, di ritrovare la pace. Quando si parla di organismi che decidono, noi siamo quasi super partes, non abbiamo un grande peso. Non possiamo continuare a mettere storie sui social facendo finta che tutto ciò non stia accadendo. L’indifferenza è indubbiamente ciò che fa più male. Noi siamo cristiani, siamo cattolici, nati con una Fede incredibile!”.

Leggi anche: Ucraina, De Zerbi e il suo staff sono rientrati in Italia

Poi c’è anche la storia di Giordano Signorile, ballerino barese in Ucraina da 5 anni di soli 19 anni bloccato in un bunker garage di Kiev.

Il ballerino stava cercando disperatamente di tornare a casa, ma senza riuscirvi. Si trovava infatti nella periferia di Kiev.

“Rimango con gli occhi spalancati, è impossibile dormire sentendo le bombe che esplodono a pochi passi, le sirene che urlano, la gente che si dispera qui accanto a me”

E poi: “Non pretendo che mi facciano evacuare ora, so che volare è pericoloso, ma chiedo aiuto per me e quelli che sono con me, abbiamo paura, non capisco cosa stiano attendendo. Vorrei trovare un modo per arrivare ai confini di Polonia, Romania o Moldavia, ma non so come fare. Non ho l’auto, la stazione è lontanissima da qui e mi dicono che è piena, che ci sono scene incredibili. La situazione precipita di minuto in minuto”.

Sempre a Storie Italiane, i genitori hanno però fatto sapere come finalmente dei soldati ucraini siano andati a salvarli: l’incubo dovrebbe essere finito.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.