Sparatoria in un bar, 20enne colpita alla gamba. Il padre: “avrebbe potuto perdere la vita”

Sparatoria in un bar, 20enne colpita alla gamba. Il padre avrebbe potuto perdere la vita

Sparatoria a Sezze, 20enne colpita alla gamba per errore. Il padre: “avrebbe potuto perdere la vita”

Una ragazza di 20 anni è stata ricoverata in ospedale dopo essere stata colpita da un colpo di pistola alla caviglia durante una rissa a Sezze, in provincia di Latina. L’episodio è avvenuto intorno all’1:00 di notte nella zona di Ferro di Cavallo.

Secondo una prima ricostruzione, la rissa sarebbe scoppiata tra un gruppo di persone nei pressi di un bar. Al termine della lite, uno dei partecipanti avrebbe esploso un colpo di pistola, che ha colpito accidentalmente la ragazza che si trovava seduta a un tavolino all’aperto.

La ragazza è stata soccorsa dai sanitari del 118 e trasportata d’urgenza all’ospedale Santa Maria Goretti di Latina. Le sue condizioni non sono gravi, ma il proiettile le ha fratturato la caviglia.

Ad assistere a quei tragici attimi anche la madre della giovane, che era in videochiamata con la madre, che a Fanpage.it ha detto: “Non miravano a lei: un uomo è entrato nel bar e ha estratto la pistola. Ha puntato verso la pancia del barista che, istintivamente, ha abbassato l’arma. Ma lo sparo c’è stato. Ci dicono che è stata fortunata, che avrebbe potuto perdere la vita. Ma per noi è follia. Lei ha visto cosa è successo, il trauma è forte”.

“Mi ha raccontato della rissa – continua la mamma – Loro erano rimasti lì perché non riuscivano a spostarsi a piedi e aspettavano che li venissero a prendere in auto”.

Leggi anche: Kenya, crolla una diga: decine i morti. In corso le ricerche di sopravvissuti

“Le ho detto di nascondersi in bagno. Ma è stato un attimo. Mentre lei camminava nel bar abbiamo sentito una macchina sgommare, era uno di quelli di prima. Ha fatto un testa coda, si è fermato con l’auto in mezzo ed è entrato nel bar”.

La ragazza è stata soccorsa e non è grave, nonostante ciò il padre ha detto: “Si tratta comunque di un episodio bruttissimo. Noi siamo lavoratori umili, non siamo nati nel far west. Neanche sappiamo neanche che cosa sia il far west”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi