Ringiovanire viso e corpo con il ghiaccio: in primavera skin icing e saune sotto zero. Come insegnano le celebrities

Più belli e in forma con la terapia del ghiaccio. Trattamenti da fare, tools e indirizzi utili per “congelare” l’età che avanza. Come fanno Lindsay Lohan, Irina Shayk e Demi Moore. Ma anche Ronaldo e Luca Salvadori 


La terapia del freddo ad effetto anti age è comunemente usata per tonificare la pelle del viso e del corpo, combattere gli accumuli adiposi e ripristinare il micro circolo favorendo lo scarico naturale dei liquidi. I trattamenti più efficaci e i prodotti utilizzati dalle celebrities.

Tools e rimedi casalinghi sotto zero. 

Il freddo che fa bene alla pelle può essere veicolato da macchinari di diversa tipologia. Oppure manualmente attraverso apparecchiature e trattamenti ad hoc. Ma anche da creme specifiche e da tools facilmente reperibili online che si attivano con il freezer di casa. Come la Crio Recovery Mask di Charlotte Tilbury, una maschera effetto “cubetti di ghiaccio” che rassoda e lifta il viso in soli dieci minuti e affina la grana della pelle rendendola luminosa e glow. La super modella Irina Shayk predilige invece immergere il viso in acqua ghiacciata per una beauty routine quotidiana naturale e senza sforzi con l’obiettivo di sgonfiare le borse mattutine e ridurre le occhiaie. 

Per un primo approccio alla skin icing, è reperibile sul market place Asos anche il nuovissimo – ed economico – Contour Cube. Uno strumento da integrare nella beauty routine che sfrutta la terapia del ghiaccio. Divertente, colorato e multi funzionale, può essere riempito con acqua o con gli ingredienti più adatti al proprio tipo di pelle per risultati personalizzati.

Riutilizzabili all’infinito i patch occhi in silicone firmati NYX Cosmetics da applicare prima del make up e da tenere in posa 5-10 minuti. Un booster di energia per rinfrescare il contorno occhi. 

A Milano macchinari e saune effetto urto.

Per un effetto anti età piu duraturo e dai risultati maggiormente visibili, la moderna tecnologia ridefinisce gli schemi della “skin icing”sviluppando un macchinario dalle eccellenti potenzialità che sfrutta l’ozono per contrastare l’invecchiamento cutaneo. Il trattamento – disponibile a Milano presso la clinica del Dott. Luca Macaluso – prevede l’aumento dell’ossigenazione delle cellule e dei tessuti favorendone la rigenerazione e l’eliminazione delle tossine. 

Ed è sempre nella stessa sede di Esthetic Clinic a Milano che nasce LifeCube, una delle più potenti criocamere la cui peculiarità è quella di migliorare i processi metabolici e aumentare il consumo di calorie grazie ad un sistema di raffreddamento elettrico in grado di raggiungere la temperatura di -110°C. Utilizzata da Linsday Lohan e da numerose celebrities internazionali, la sauna sotto zero di Esthetic Clinic è anche meta di volti noti del panorama sportivo nazionale come il motociclista Luca Salvadori. 

I benefici delle saune sotto zero.  

Sfruttare i principi delle criocamere e saune sotto zero equivale quindi ad un beneficio totale per il corpo e la mente. Oltre ad una potente tonificazione e ad un aumento dell’elasticità cutanea, grazie al freddo e alle bassissime temperature si ottiene una maggiore produzione di endorfina, una sostanza prodotta dal cervello  che aiuta ad alleviare il dolore, a ridurre lo stress e a generare una sensazione di euforia e benessere immediata. La durata del trattamento è di circa 3 minuti, mentre i suoi benefici si protraggono per circa due settimane. Per un risultato duraturo nel tempo, il beauty expert Nicola Dininno suggerisce un ciclo iniziale di tre sedute mensili. È comunque consigliato prenotare una consulenza più dettagliata e specifica per ciascuna esigenza con la Clinic Manager Valentina Chiarella (Foto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi