Piergiorgio Giacovazzo: chi è l’inviato Rai a Kiev

Il giornalista è l’unico rimasto nella capitale ucraina

La guerra dei civili, la guerra di Putin e la guerra di chi la deve raccontare come l’inviato della Rai Piergiorgio Giacovazzo.

Giacovazzo è l’unico inviato della rete pubblica a essere ancora a Kiev, nella capitale dell’Ucraina, cuore del paese che resiste.

L’inviato di guerra è uno dei pilastri della rete e del TG2. Giacovazzo da anni lavora per la rete pubblica e per il TG2 da 27 anni.

Il giornalista è anche uno dei volti fissi della redazione sportiva con particolare interesse ai motori, ciclismo e alla velocità.

Giacovazzo e gli altri inviati Rai

Giacovazzo è nato a Roma il 3 gennaio del 1970 e lavora in Rai dal 1992. Oltre aver fatto da inviato di guerra è stato anche responsabile dell’ufficio stampo dell’ex campione Max Biaggi.

Oltre a lui, ci sono anche, per la Rai, Emma Farné, Stefania Battistini e Giuseppe La Venia. Mentre proprio dal 7 marzo, il Radio Giornale Rai è trasmesso da Leopoli e condotto da Andrea Vianello.

Qualche settimana fa, a inizio conflitto, Giacovazzo all’ADN Kronos spiegava: “Alle due del mattino ci siamo svegliati con il rumore delle bombe, qui vicino si sentivano i tonfi dell’artiglieria pesante. Io mi sono svegliato con i botti e hanno continuato fino all’alba, sentivamo il suono dei carri armati. Il nostro interprete, necessario perché qui nessuno parla inglese o francese, ha avuto paura a rimanere ed è voluto tornare di corsa a Kiev, aveva anche la macchina con cui ci spostavamo, siamo rimasti a piedi e senza interprete“.

Leggi anche:  Ucraina – Russia, l’informazione precisa e corretta di Monica Maggioni

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.