Perseguitata dall’ex per 8 anni, lei lo denuncia per sette volte

Perseguitata dall'ex per 8 anni, lei lo denuncia per sette volte

Perseguitata dall’ex per 8 anni, lei lo denuncia per sette volte. Ecco la storia di una donna di Torino

Dopo tre mesi di legame sentimentale una donna di Torino ha deciso di troncare la relazione malata con un uomo, ma questi per i successivi otto anni l’ha perseguitata. La storia, riportata da Leggo.it e laRepubblica.it, racconta la difficile condizione di una donna intrappolata in una relazione pericolosa.

Secondo il racconto della donna, il suo ex era arrivato a controllare ogni suo spostamento attraverso un’app, le inviava fino a 100 messaggi al giorno, in molti casi riceveva anche insulti, soprattutto se lui riteneva che lei non si comportasse nel giusto modo. L’atteggiamento dell’uomo si è poi fatto più aggressivo con minacce di morte e comportamenti pericolosi: «La tua fine è quasi vicina. Fai attenzione in questi giorni», le avrebbe detto. In un episodio, l’uomo ha distrutto la bici della donna con una motosega.

Dopo tre mesi di questo tipo di relazione, la donna ha deciso di troncare arrivando fino a denunciarlo. Denunce ripetute per altre 6 volte. «Pensavo di essere innamorata e l’ho perdonato. Ma mi sono pentita moltissimo. Dopo poco tempo è diventato più violento di prima», ha detto la donna a laRepubblica.it. Inoltre, ha poi scoperto che l’uomo era sposato e aveva una famiglia che non ha mai abbandonato. «Ha negato tutto. Poi ha promesso che avrebbe lasciato la moglie. Sono rimasta incinta. Ho voluto credergli», ha spiegato la vittima.

Leggi anche: Scomparsa di Kimberly Bonvissuto, l’appello della madre per ritrovare la figlia

Il gip di Torino ha stabilito per l’uomo il divieto di avvicinamento, accusato di pedinare e usare atti di violenza nei confronti dell’ex compagna. Infine, è stato condannato a 8 mesi di reclusione.

Foto di Karolina Grabowska: https://www.pexels.com/it-it/foto/persona-mani-donna-stop-4379954/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi