Morte presidente Raisi, aperta un’inchiesta

Morte presidente Raisi, aperta un'inchiesta

Morte presidente Raisi, aperta un’inchiesta sulle cause dell’incidente. Oggi si terranno i funerali del presidente 

Un’inchiesta è stata aperta per accertare le cause dell’incidente aereo che in Iran ha provocato la morte di Raisi. “Credo nel caso di Raisi si sia trattato di incidente tecnico: si tratta di elicotteri medievali dei tempi dello Shah. Mi auguro che i nuovi governanti, in attesa del voto, lavorino per la stabilità, la pace in un’area molto complicata. L’Iran ha un ruolo molto delicato”, ha affermato il vicepremier e ministro degli Esteri, Antonio Tajani, partecipando a Quarta Repubblica su Rete 4.

L’Iran ha chiesto l’assistenza degli Stati Uniti sull’incidente i cui è morto il presidente Ebrahim Raisi. Lo afferma il Dipartimento di Stato. Anche se sarebbe stato accertato che l’incidente è avvenuto per un “guasto tecnico”. Nessun vuoto di potere si è creato. Attualmente, alla guida del paese, c’è Mohammad Mokhber, primo vive presidente che resta in carica fino alle elezioni presidenziali iraniane, le quali si terranno l’8 luglio.

La decisione è stata presa nel corso della riunione che si è tenuta alla presenza del primo vice presidente e capo di stato ad interim Mokhber e degli altri vertici dei poteri dello stato iraniano. Secondo il calendario elettorale approvato, la registrazione dei candidati avverrà dal 10 al 14 giugno e la campagna elettorale si svolgerà dal 23 giugno fino alla mattina del 7 luglio. La decisione è stata presa in base all’attuazione dell’articolo 131 della Costituzione che prevede che siano indette elezioni entro 50 giorni dalla morte o dalle dimissioni del presidente. Poco prima la tv di Stato aveva diffuso la notizia del voto approvato per la data del 28 giugno.

Leggi anche: Il presidente iraniano Ebrahim Raisi è morto in un incidente aereo

Oggi, invece, si terranno i funerali del presidente Raisi. Dopo la cerimonia funebre a Tabriz, nel nord-ovest dell’Iran, la salma del presidente sarà trasferito a Teheran, dove mercoledì è prevista una preghiera dell’ayatollh Ali Khamenei, prima di essere sepolto giovedì nella sua città natale, Mashhad, nel nord-est del Paese. Lo riporta l’agenzia di stampa Irna, citando il direttore dell’ufficio dell’Organizzazione iraniana di diffusione dell’islam a Tabriz. Secondo Hojjatoleslam Mahmoud Hosseini, domani ci sarà anche un corteo funebre a Tabriz che terminerà all’aeroporto, mentre mercoledì la Guida suprema iraniana, Ayatollah Ali Khamenei, pregherà sul corpo del presidente, che sarà sepolto il giorno dopo nella sua città natale, Mashhad.

Fonte immagine: https://x.com/MoAsumang/status/1792518425157234879/photo/1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi