Matteo Bassetti: “polmoniti da micoplasma per colpa dei No Vax”

Matteo Bassetti polmoniti da micoplasma per colpa dei No Vax

Matteo Bassetti: “polmoniti da micoplasma per colpa dei No Vax”. L’infettivologo spiega in un video le cause della malattia

Fanno discutere le dichiarazioni dell’infettivologo Matteo Bassetti sulle polmoniti che stanno colpendo i bambini in Cina. L’esperto ha postato sui social un video accompagnato da questa didascalia: “Polmoniti nei bambini anche in Francia. Purtroppo molti ceppi batterici di Mycoplasma pneumoniae sono resistenti all’azitromicina. Indovinate perché?”

Nel video poi spiega che le «polmoniti che hanno riguardato la Cina adesso si apprende che anche in Francia e in Vietnam c’è stato un aumento di polmoniti nei bambini e queste polmoniti sembrano essere legate al Mycoplasma pneumoniae, un batterio che noi conosciamo da tempo e che causa tipicamente la polmonite nei bambini, negli adolescenti, ma anche nei giovani adulti».

Questo batterio, continua Bassetti, provoca «una forma di polmonite che può anche essere impegnativa e grave, ma per la quale abbiamo delle terapie». «Purtroppo apprendiamo che molti dei micoplasmi che in Francia hanno colpito questi bambini sono resistenti all’azitromicina. Quante volte vi ho detto durante il Covid che gli antibiotici non andavano utilizzati nella cura di Sars-CoV-2, che è un virus e non un batterio? Ebbene, averli utilizzate troppo e male, come è stato fatto da molti senza seguire le evidenze scientifiche ha permesso di rendere più forti i batteri».

Leggi anche: Filippo Turetta, oggi l’interrogatorio. Ecco cosa sappiamo

Bassetti poi individua le cause di questa resistenza agli antibiotici: «abbiamo reso più forte un batterio come il Mycoplasma pneumoniae su cui, ahimè, nei bambini gli unici antibiotici che si possono utilizzare sono proprio l’azitromicina e in generale i macrolidi. Questi sono i danni fatti da un certo mondo, cure domiciliari, no vax, no vaxismo, e purtroppo questa è la situazione».

L’infettivologo, in conclusione, però rassicura: «possiamo stare tranquilli. Il Mycoplasma pneumoniae è un microrganismo che conosciamo e troveremo sicuramente altre armi con cui affrontarlo».

Fonte immagine: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=872544531093965&set=pb.100050152794262.-2207520000&type=3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi