L’eredità di Maurizio Costanzo, ecco a chi spetta l’intero patrimonio

L'eredità di Maurizio Costanzo, ecco a chi spetta l'intero patrimonio

L’eredità di Maurizio Costanzo, ecco a chi spetta l’intero patrimonio del giornalista, composto di beni immobili e diritti d’autore

La recente scomparsa di Maurizio Costanzo ha lasciato un grande vuoto nel mondo della televisione e del giornalismo. Sicuramente lascia in eredità agli italiani un bagaglio culturale non indifferente.

Secondo quanto ricostruito dal quotidiano Repubblica, e riportato da Leggo.it, il patrimonio personale di Maurizio Costanzo si aggirerebbe intorno ai 70 milioni di euro. Senza voler fare i conti in tasca ai familiari del defunto giornalista, possiamo però riportare alcuni dettagli emersi delle notizie riportate dai due giornali appena citati. Nella sua lunga carriera, Maurizio Costanzo è riuscito ad accumulare sia proprietà immobiliari sparse in diverse zone d’Italia, ma anche i ricavi di diritti d’autore derivanti dalla sua attività intellettuale. Costanzo aveva i diritti su molti dei suoi lavori, programmi televisivi, sceneggiature, libri e brani musicali, come il famoso “Se telefonando”, cantato da Mina.

Leggi anche: Elon Musk batte Bernard Arnault e torna ad essere l’uomo più ricco del mondo

Secondo quanto riportato dagli organi di stampa, Costanzo possedeva due appartamenti da 150 metri quadri l’uno nel quartiere Prati a Roma, due case in Toscana e una villa estiva ad Ansedonia con affaccio sull’Argentario. In questo caso si tratta di Villa Sadula, comprata insieme a Maria De Filippi e che Costanzo chiamava “la mia meraviglia”. Questa villa, particolarmente amata dal giornalista, era il luogo delle ferie estive dove amava ricevere ospiti e amici.

La sua eredità dovrebbe essere divisa, come previsto dalla legge, tra gli eredi, ovvero sua moglie Maria De Filippi e i figli Saverio, Camilla e Gabriele. Non si hanno notizie dell’esistenza di un testamento.

Fonte immagine: https://twitter.com/Boomerissima/status/1630497819474657280/photo/1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi