Jerry Calà parla dopo l’infarto: “non ho mai pensato di morire”

Jerry Calà parla dopo l'infarto non ho mai pensato di morire

Jerry Calà parla dopo l’infarto: “non ho mai pensato di morire”. Ecco cosa ha raccontato in una intervista al Corriere della Sera

Jerry Calà, in una recente intervista al Corriere della Sera, ha raccontato il suo recente malore e la paura provata. Dice Calà: «Lo spavento è stato fortissimo, inutile che ce lo nascondiamo. Anche perché se non ti è mai capitato non è che lo riconosci immediatamente. La prima sensazione è quella di un’indigestione e con questo ragionamento stavo perdendo un po’ di tempo. Ero da solo in hotel, avevo cenato in camera e ho iniziato a sentire un dolore al petto abbastanza forte. Siccome venivo da una settimana di riprese in esterni in Molise, dove abbiamo preso un sacco di freddo, mi son detto “sarà quello, o il cibo”. Poi questo dolore si è fatto più forte ed è stato accompagnato da sudori freddi pazzeschi, quindi ho chiamato il 118: in pochissimo tempo sono arrivati in camera».

Nel ricordo di quei momenti, l’attore non ha dimenticato di ringraziare i medici e Napoli: «Sono stati più che bravi. Ringrazierò sempre Napoli e la sanità di Napoli perché mi hanno salvato la vita».

Leggi anche: Jerry Calà a RTL 102.5 News: “Sono salvo grazie all’eccellenza medica di una clinica napoletana. Torno preso a lavorare”

Nonostante la paura sia stata tanta, Jerry Calà non ha mai pensato alla morte, infatti ha detto: «Devo dire la verità: no. Il pensiero non mi è balenato. Sentivo questo dolore, ma sempre con lucidità. Ho temuto piuttosto interventi complicati, magari a cuore aperto. Chiedevo ai medici “ma adesso mi aprite?” e loro ridevano e mi spiegavano passo passo che mi stavano mettendo una sonda attraverso una mano. Poi magicamente il dolore pressante è sparito e così li ho fatti ridere ancora di più, ho esclamato: “vi dico quel che volete, libidine, doppia libidine, vi dico tutto”».

L’attore era a Napoli per girare il suo ultimo film, “Chi ha rapito Jerry Calà?”, ma per ora lo aspetta un periodo di riposo, annunciato con la sua consueta ironia: “Adesso starò tranquillo sul divano per minimo 30 o 40 giorni, farò qualche passeggiata a vedere i cantieri, starò in famiglia. Certo senza perdere i contatti per il film”.

Fonte immagine: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=346236216859910&set=pb.100044206040679.-2207520000.&type=3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi