Ferimento Siu, il marito resta in carcere. Ecco perché

Siu, l’influencer in coma per una ferita al petto. Violati i sigilli della villetta

Ferimento Siu, il marito resta in carcere. L’avvocato: “È assurdo. Il mio assistito è detenuto in carcere nonostante la disposizione di scarcerazione”

Nonostante il giudice abbia decretato la scarcerazione di Jonathan Maldonato, il 37enne resta in carcere per la mancanza del braccialetto elettronico che gli dovrebbe essergli applicato una volta ai domiciliari. L’uomo è sospettato di aver ferito gravemente la moglie, l’influencer Soukaina El Basri, nota sui social come Siu, ricoverata per una profonda ferita al petto.

L’avvocata di Maldonato, Giovanna Barbotto, ha espresso malcontento per la situazione: «Dovrebbe essere a casa con le figlie, invece rimane in cella». «È una cosa assurda – ha poi aggiunto l’avvocata Barbotto -. Il mio assistito è detenuto in carcere nonostante la disposizione di scarcerazione, una decisione arrivata ben oltre un giorno fa».

L’uomo dovrebbe recarsi ai domiciliari a casa dei genitori, essendo la villetta dove è avvenuto il fatto posta sotto sequestro. Gli inquirenti, inoltre, avrebbero anche notato una violazione dei sigilli.  Inoltre, la procura sta valutando un eventuale ricorso contro la decisione del Gip di scarcerare Maldonato. «Quest’ufficio – riporta la nota pubblicata da Leggo.it – prosegue tutti gli accertamenti già disposti e delegati e si riserva eventuali iniziative in merito all’ordinanza all’esito delle necessarie valutazioni».

Leggi anche: Neonato ritrovato morto sugli scogli, individuata la madre: una 13enne italiana

Inoltre, si attende l’interrogatorio di Siu, che potrebbe chiarire la dinamica e confermare o meno la dichiarazione di innocenza dell’uomo: «Seppur uscita dal coma, versa ancora in condizioni di particolare vulnerabilità – spiegano dalla procura -, sicché questo ufficio attende il miglioramento delle sue condizioni di salute per procedere alla relativa escussione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi