Europei, la rivincita di Pessina: dall’esclusione alla rete con il Galles

L’azzurro è stato richiamato dopo l’infortunio di Stefano Sensi

Il destino beffardo, almeno per Stefano Sensi, ha portato bene a Matteo Pessina. Dopo l’infortunio del nerazzurro il giocatore dell’Atalanta è stato richiamato in Nazionale.

Roberto Mancini lo ha così richiamato e schierato nel terzo match dell’Europeo contro il Galles.

Il giocatore che con la maglia azzurra aveva realizzato una doppietta nell’amichevole contro San Marino è stato autore della rete del vantaggio italiano.

Pessina è diventato così il più giovane calciatore della Nazionale dopo Antonio Cassano a segnare un gol nella prima partita da titolare in una competizione internazionale.

Il suo percorso è iniziato da lontano, dalla serie C: Il calciatore di Monza, classe 1997, che studia Economia Aziendale, a soli 17 anni faceva il suo esordio in C.

Poi acquistato dal Milan, viene mandato prima a Catania e poi a Lecce per poi tornare in C al Como.

Il Milan se ne libera girandolo all’Atalanta nell’affare Andrea Conti. Il centrocampista arriva a Bergamo, prima fa un anno in B allo spezia e poi si prende la scena anche in maglia orobica.

Lo scorso anno va in prestito a Verona ed esplode con 7 gol, poi il nuovo ritorno a Bergamo.

Leggi anche: Italia – Galles: gli azzurri convincono ma è polemica per Black Lives Matter

Con il litigio Papu Gomez – Gasperini il brianzolo conquista l’Atalanta fino ad arrivare alla Champions e alla convocazione nella Nazionale di Mancini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi