«Ercolano – Vivere una città antica», al via lo speciale targato Focus

«Ercolano - Vivere una città antica», al via lo speciale targato Focus

Mentre i Campi Flegrei sono nuovamente teatro di un importante sciame sismico, Laura Pepe racconta la vita nell’allora prestigiosa località di villeggiatura, popolata da 5.000 abitanti

Con «Ercolano – Vivere una città antica», in onda lunedì 27 novembre e lunedì 4 dicembre, alle ore 21.05, Focus propone una nuova serie di reportage a cura di Laura Pepe, scrittrice, saggista e docente di Diritti dell’Antichità dell’Università degli Studi di Milano. Al centro degli speciali, Ercolano, prima che venisse seppellita da cenere, lapilli e fango, durante l’eruzione del Vesuvio del ’79 d.C..

L’antichista documenta sul campo la vita quotidiana dell’epoca romana di Ercolano, le cui indagini archeologiche vere e proprie – dopo un primo ritrovamento, casuale, a seguito di scavi per la realizzazione di un pozzo, nel 1709 – iniziano nel 1738, mentre lo scavo sistematico parte dal 1927.

Tutto, nell’Ercolano di allora, riporta a una città dal volto umano, con strade e abitazioni immerse nella quotidianità: quella di una prestigiosa località di villeggiatura, popolata da 5.000 abitanti.

I testimoni del periodo – letti, sgabelli, tavoli, armadi, panche, tramezzi, tabernacoli, portamonete, finestre, serramenti – parlano di giornate passate in famiglia. Mentre le barche, ritrovate nell’area delle Terme occidentali, documentano le attività marinare degli ercolanesi. E le centinaia di antichi testi ritrovati nella biblioteca di una lussuosa dimora, un tesoro archeologico di incommensurabile valore, raccontano le raffinate passioni dei suoi proprietari.

Leggi anche: Genova, minorenne abusata ad una festa. L’accaduto

L’eruzione del Vesuvio investì Ercolano prima con una rapida nube di cenere rovente, che vaporizzò tutto all’istante, e poi da una nube nera che, viaggiando a 100 chilometri l’ora, la seppellì sotto 20 metri di cenere. Un epilogo apocalittico, che nel 1997 ne ha decretato, insieme alle rovine di Pompei e Oplonti, l’ingresso nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

In copertina Foto di <a href=”https://pixabay.com/it/users/graham-h-5475750/?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=2364585″>Graham Hobster</a> da <a href=”https://pixabay.com/it//?utm_source=link-attribution&utm_medium=referral&utm_campaign=image&utm_content=2364585″>Pixabay</a>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi