Dopo 11 anni Oscar Pistorius torna libero

Pistorius

Reo di aver ucciso la fidanzata, Reeva Steenkamp

Oscar Pistorius, da oggi, 5 gennaio, è un uomo libero. Dopo 11 anni di carcere, scontati per l’omicidio della fidanzata Reeva Steenkamp, l’ex campione paralimpico è in libertà vigilata.

Oggi, è stato rilasciato  dalla prigione di Atteridgeville, a pochi chilometri dalla capitale Pretori.

Pistorius si trova ora nella villa dello zio Arnold Pistorius a Waterkloof, ricco quartiere di Pretoria. Pistorius, prima dell’incidente aveva fatto la storia dell’atletica paralimpica.

Era diventato il primo disabile a gareggiare a Londra 2012. Dopo l’omicidio venne condannato a 13 anni nel novembre 2017.

Ora non potrà violare la libertà vigilata, bere alcolici e di rilasciare interviste ai media.

Dal Mistero della Giustizia spiegano: “Pistorius sarà monitorato fino alla data di scadenza della sua pena, nel 2029. L’elevato profilo pubblico legato a Pistorius non lo rende diverso dagli altri detenuti né giustifica un trattamento incoerente con la legge. Di conseguenza, i dettagli in termini di piani di trasporto e tempi di rilascio non saranno resi pubblici. La divulgazione di tali dettagli può comportare una minaccia alla sicurezza del detenuto e delle altre parti interessate. Le condizioni generali per la libertà vigilata si applicheranno a Pistorius. Per esempio, dovrà sempre trovarsi a casa in determinate ore del giorno. Non potrà consumare alcol e altre sostanze proibite. Sarà inoltre obbligatoria la partecipazione ad altri programmi di riabilitazione”.

A commentare la vicenda anche la madre di Reeva Steenkamp, uccisa il giorno di San Valentino del 2013.”Non ci potrà mai essere giustizia se la persona amata non tornerà mai più, e nessuna permanenza in carcere riporterà indietro Reeva. Noi, che siamo rimasti indietro, siamo quelli che stanno scontando una condanna a vita”.

“Il 14 febbraio 2013 è il giorno in cui la vita è cambiata per sempre. Il giorno in cui il Sudafrica ha perso il suo eroe, Oscar Pistorius, e il giorno in cui io e Barry (il marito, ndr) abbiamo perso la nostra preziosa figlia, Reeva, per mano di Oscar”.

Leggi anche: Caso Pistorius: come sta l’ex campione? Ora chiede la libertà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.