Donna si risveglia dal coma grazie alle canzoni di Ultimo: il racconto

Una donna si è risvegliata dal coma dopo un mese ascoltando le canzoni di Ultimo: l’emozionante racconto

Una donna si è risvegliata dal coma grazie a Ultimo. Lei si chiama Rosa, ha 38 anni ed è di Pesaro. Era giugno del 2022 quando, Rosa, per un’infezione alle gambe che non le permetteva più di camminare, è stata ricoverata per un mese, poi il coma per 30 giorni. Grazie ad un’infermiera, fan del cantante romano, Rosa ha aperto gli occhi. L’infermiera infatti ogni giorno le faceva ascoltare le canzoni di Ultimo sino a quando ad un mese esatto dal coma, la donna si è risvegliata, diventando anche lei adesso una grande fan dell’artista. Lo ha raccontato Rosa al Corriere della Sera.

Ecco cosa ha detto la donna: “Tutto è iniziato a gennaio 2022. Una brutta infezione alle gambe non mi ha più permesso di camminare. Dopo svariati controlli, in aprile, sono stata ricoverata un mese. A giugno, dopo un improvviso svenimento, sono entrata in coma. Ci sono rimasta un mese. La mia fortuna è stata incontrare una grande fan di Ultimo che mi ha fatto ascoltare le sue canzoni. Di quei momenti non ho memoria, ma della sua voce ho un ricordo chiaro e vivido. Non riuscivo ancora a parlare, nella mia testa però intonavo tutte le canzoni”.

Leggi anche–> “Il Volo – Tutti per Uno”, due serate evento all’insegna della buona musica: gli ospiti e le anticipazioni

Poi la donna ha organizzato una gita a Roma, salita a bordo di un’auto affittata, ha guidato sino alla Capitale. L’incontro non è ancora avvenuto nel bar Caffè del Parco, frequentato da Ultimo, dove Rosa ha lasciato però a lui una dedica, uno striscione con su scritto: “Adesso che sto meglio ho fatto 220 chilometri solo per venirti a ringraziare. Perché quando ero in ospedale, in coma e intubata, grazie alle tue canzoni mi sono risvegliata. Tu, insieme ai dottori, mi avete salvato la vita. Non chiedo altro che poterti stringere la mano e sentire dal vivo la tua voce. A me basta questo per…sorridere! Aspetterò”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.