Matteo Paolillo al centro delle polemiche, ecco perché

Matteo Paolillo al centro delle polemiche, ecco perché

Matteo Paolillo al centro delle polemiche. Il noto cantante e attore della serie tv Mare Fuori avrebbe negato un selfie a Sara Vargetto

Matteo Paolillo, uno degli interpreti della nota serie tv di successo “Mare Fuori”, dopo il Concertone del Primo Maggio, si è ritrovato al centro delle polemiche. La vicenda riguarderebbe un presunto selfie negato ad un’atleta paralimpica.

A raccontare la vicenda è stato il padre dell’atleta, Sara Vargetto, a Il Messaggero. L’uomo racconta: “Pioveva e sicuramente non si sono accorti che fuori il camerino c’erano bambini piccoli che aspettavano per una foto”. Alla richiesta di un selfie, all’uomo sarebbe stato risposto che all’attore “non andava”. Sara Vargetto, come tanti altri fan, ha atteso l’arrivo del suo idolo sulla sedia a rotelle, sotto la pioggia.

Successivamente, è arrivata la replica del cantante e attore: “abbiamo avuto tempi molto stretti, siamo arrivati e dopo il soundcheck non c’è stato molto tempo a disposizione”.

Leggi anche: Il giornalista Corrado Zunino è tornato in Italia, ecco le sue parole

Poi in una dichiarazione ha spiegato: “A me non è stato chiesto nessun autografo, né alcun selfie. La richiesta di Ambra al termine della mia esibizione di andare ad abbracciare uno spettatore ‘speciale’, un bambino che aspettava sotto la pioggia da ore, non è stato nessun risarcimento per nessuno. C’era una bella platea, ragazzi in ascolto”. L’attore respinge così le critiche circolate sui social e riprese dalle agenzie per essersi rifiutato di fare un selfie.

Mentre sulla sua esibizione sul palco, in cui ha cantato la sigla di Mare fuori e letto un testo di Pasolini e Maraini, ha detto: “Ero spaventato dalla folla ma nel momento in cui sono salito, nonostante i piccoli problemi tecnici mi sono divertito, il pubblico è stato molto affettuoso”.

Fonte immagine: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=470348418428526&set=pb.100063601147426.-2207520000.&type=3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi