Covid in Europa, superati i 100 milioni di casi. Israele apre alla quarta dose

Covid in Europa, superati i 100 milioni di casi. Israele apre alla quarta dose

Covid in Europa, superati i 100 milioni di casi dovuti all’alta diffusione di Omicron. Israele apre alla quarta dose per gli over 60

L’Europa ha superato i 100 milioni di contagi da Covid-19. La causa è da ricondurre alla variante Omicron che è estremamente contagiosa. Ciò però va in controtendenza con le misure applicate fino ad ora. In pratica, tutti i paesi europei non sono più disponibili a mettere in atto il lockdown, anzi riducono le quarantene.

Questo è dovuto a due fattori. Il primo è di natura economica. Se si dovessero ritrovare troppe persone in quarantena contemporaneamente e in un periodo lungo, si rischia di bloccare l’Europa e i servizi essenziali, con gravi danni sull’economia.

Leggi anche: MORAZZONE, PADRE UCCIDE FIGLIO DI SETTE ANNI E ACCOLTELLA LA MOGLIE

Il secondo motivo è dovuto alla minore pericolosità del virus, che nella Variante Omicron sviluppa di meno le forme gravi della malattia, rimanendo circoscritta alle vie aeree superiori, ma per i no vax potrebbe rappresentare un pericolo e non un semplice raffreddore.

Intanto, Israele ha avviato la somministrazione della quarta dose di vaccino per gli over 60 dopo 4 mesi dal richiamo. A dirlo è stato il premier Naftali Bennet, che ha detto: “all’apice della ondata supereremo la soglia dei 50mila contagi al giorno: si tratta di numeri molto elevati, ma dal mondo abbiamo appreso che se siamo vaccinati siamo protetti da forme gravi di malattia”.

Inoltre, il premier israeliano ha aggiunto: “Abbiamo imparato dal resto del mondo che chi è vaccinato è anche protetto in larga misura dalla malattia grave, anche se si reinfetta”. Concludendo: “Per questo abbiamo deciso di rinunciare alla quarantena per chi ha più di cinque anni”.

Fonte immagine: <a href=’https://it.freepik.com/foto/persone’>Persone foto creata da prostooleh – it.freepik.com</a>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *