Charlotte Casiraghi, protagonista dei rendez-vous letterari di Chanel

Charlotte Casiraghi

Charlotte Casiraghi non è solo bella ed elegante, ma è anche colta e intelligente. A dimostrarlo il suo impegno nei dei rendez-vous letterari di Chanel

Abbiamo visto, nel corso dell’ultima fashion week parigina, come Chanel abbia intrapreso un percorso di riscrittura della tradizione. Sulle orme di Coco Chanel è stata disegnata una nuova collezione, che esprime tutti gli ideali della maison. Ma la moda non solo tendenza in fatto di abbigliamento, ma intorno ad essa ruotano una serie di eventi collaterali, che la maison Chanel non ha mai trascurato. Tra questi c’è sicuramente l’attenzione verso la letteratura.

La commistione tra le arti è elemento fondamentale per la creazione di opere d’arte, visto che molti pezzi di alta moda sono delle vere e uniche opere d’arte. Attraverso la moda, però, si possono veicolare altri messaggi, così nascono i Rendez-vous di Rue Cambon, ovvero degli incontri letterari tra eminenti scrittrici e le ambasciatrici del marchio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da CHANEL (@chanelofficial)

Quest’anno Charlotte Casiraghi è la nuova ambasciatrice di Chanel e lei è stata la protagonista dei rendez-vous letterari organizzati da Chanel. Al centro della riflessione l’emancipazione femminile raccontata e letta attraverso le opere di importati scrittrici.

Nel primo incontro Charlotte Casiraghi, che oltre ad essere bella ed elegante, è anche colta e intelligente, ha discusso con Sarah Chiche della vita e delle opere della scrittrice e psicanalista Lou Andreas-Salomé, nota per i legami con Friedrich Nietzsche e Rainer Maria Rilke.

Charlotte Casiraghi, proprio in riferimento a Lou Andreas-Salomé, ha rivelato a Vogue di averla conosciuta grazie a Karl Lagerfeld. Lei si trovava nella casa dello stilista a Biarritz, nell’estate dei suoi diciassette anni. La discussione verteva sull’opera di Rilke ed ecco il collegamento con Lou Andreas-Salomé. Sempre la Casiraghi racconta di ciò che accadde dopo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Charlotte Casiraghi (@charlottecasiraghi)

Il giorno successivo trovò sulla porta di casa una busta piena di libri della Lou Andreas-Salomé, chiaramente inviati da Lagerfeld. Da quel momento la Casiraghi si è appassionata all’opera e al pensiero della scrittrice sulla quale ha speso importanti parole di elogio, definendola “una incredibile oratrice, mediatrice, traduttrice così come una teorica e una scrittrice”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi