Castellammare di Stabia, uomo ucciso in casa. C’è un fermo

Castellammare di Stabia, uomo ucciso in casa. C'è un fermo

Castellammare di Stabia, uomo ucciso in casa. C’è un fermo, si tratterebbe di un uomo di origini ucraine come la vittima

Nessun dettaglio significativo è stato diffuso dalle forze dell’ordine intervenuta questa mattina in un appartamento sito in via Santa Caterina, a Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli. Ciò che è trapelato suggerisce che sia stato commesso un omicidio ai danni di un uomo, sembra, di nazionalità ucraina.

Secondo le prime notizie riportate da Il Mattino e diffuse dalla polizia, che indaga sul fatto, una persona già sarebbe già stata fermata, la cui posizione è al vaglio degli agenti. Nessuna indicazione è stata data riguardo al delitto. Forse si è trattato di una lite sfociata in un omicidio. Anche l’uomo fermato sarebbe di nazionalità ucraina. Sono in corso le indagini per ricostruire la dinamica del delitto, che coincide con un altro fatto di cronaca che colpisce una nota pizzeria di Napoli.

Questa mattina, infatti, cinque persone sono state arrestate e sono stati sequestrati beni per tre milioni di euro, nell’ambito di un’operazione condotta dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli, in collaborazione con il Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata e con la Squadra Mobile della Questura di Napoli.

Leggi anche: Milano, pitbull aggredisce due sorelle gemelle. I fatti

Sotto la lente dei militari anche la società che gestisce la nota pizzeria del centro storico di Napoli “dal Presidente”, che si trova in via dei Tribunali, la cui attività sarebbe riconducibile al clan Contini. Gli indagati sono gravemente indiziati dei reati di trasferimento fraudolento di valori e autoriciclaggio, aggravati dal metodo mafioso e dalla finalità agevolativa dell’organizzazione camorristica.

Fonte immagine: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=750789147236898&set=pb.100069174580621.-2207520000&type=3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi