Caso Elisa Claps, il lungo sfogo di Federica Sciarelli in diretta

Caso Claps, chi è Danilo Restivo, condannato a 30 anni di carcere

Caso Elisa Claps, il lungo sfogo di Federica Sciarelli in diretta nel corso della puntata di Chi l’ha visto? andata in onda ieri 8 novembre

Federica Sciarelli nel corso della puntata di ieri di Chi l’ha visto? si è concessa un lungo sfogo sulla vicenda Claps. A far discutere è stata la scelta di riaprire al culto la chiesa dove è stato per anni il corpo della giovane. Domenica scorsa si è svolta la messa, ma una folla di cittadini si è riunita all’esterno, protestando contro quanto stava avvenendo, sostenendo l’inopportuna scelta della Chiesa.

“Domenica è stata celebrata la messa nella chiesa della Santissima Trinità. Ricordo che per 17 anni è stata lì dentro Elisa Claps. Qualcuno si ostinava a dire che era scomparsa volontariamente – ha ricordato la conduttrice di Chi l’ha visto? – E invece lei è rimasta li dentro per tutto questo tempo. Se un vescovo deve uscire da una chiesa scortato dalla Polizia allora questo ci deve far riflettere. La diocesi di Potenza aveva detto che il presidio si sarebbe svolto nel più religioso silenzio, così non è stato e la funzione religiosa è stata disturbata da cori, fischi e canti. Questo è quello che hanno scritto quelli della diocesi. La messa è stata disturbata scrivono loro. Ed è così, la funzione religiosa è stata disturbata. Ma da un moto spontaneo di rabbia e soprattutto di solidarietà con la famiglia Claps. Come dar torto a quelle persone giovani, adulte, anziane, famiglie forse cattoliche, perché c’è una frattura in quella comunità. Uno spacco difficile da rimarginare”.

Leggi anche: Israele nei tunnel di Gaza a caccia dei capi di Hamas

La conduttrice si è schierata dalla parte dei Claps e ha continuato: “Impossibile rimuovere quello che è successo. ‘Per una volta avessero il coraggio di chiedere scusa a mamma Filomena’ ha detto il fratello di Elisa, Gildo. Io e tutti voi che ci avete seguito negli anni, che siamo una comunità, ce la sentiamo di dire: io chiedo scusa a mamma Filomena”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi