Vladimir Luxuria pronta per l’Isola dei Famosi: le rivelazioni particolari

C’è grande attesa per la conduzione di Vladimir Luxuria in prime time su Canale 5 alla guida del reality show L’Isola dei Famosi

Vladimir Luxuria è pronta a condurre in prima serata su Canale 5 il reality show L’Isola dei Famosi. Vladimir di recente si è raccontata al Corriere della Sera, svelando aspetti intimi e personali, facendo delle rivelazioni particolari sul suo passato. La conduttrice pronta al debutto ha parlato di un fatto terribile che le accadde quando aveva 11 anni: fu adescata da un pedofilo ultra sessantenne.

Venni adescata da un pedofilo ultra 60enne“. Luxuria entra nei particolari: “Eravamo sul lungomare in Puglia, mi offrì un gelato. Ricordo le caramelle zuccherose a forma di fragola. Se provai a oppormi? Mi avevano insegnato a rispettare gli adulti. Non ci fu un rapporto completo, dopo ebbi voglia di rivederlo: ha presente la sindrome di Stoccolma? Continuammo. Poi lui, forse intuendo il pericolo, non si presentò a un appuntamento e finì. Ci rimasi male”.

leggi anche–> Un’ex gieffina da reality flash: solo tre ore a La Talpa

Nel suo passato, Luxuria, ha amato anche un’unica donna. “Nella mia vita ho amato solo una donna, Sara Slowley. La nostra era una relazione romantica, non abbiamo mai avuto un rapporto completo. Mi piaceva accarezzarla, baciarla, dormire abbracciati”. “Ci conoscemmo in una discoteca a Vasto. Lei era inglese, molto femminile, seno abbondante, bionda, occhi azzurri, un carattere ‘maschile’ – ha raccontato Luxuria -. Per dire: mi si avvicinò e chiese se mi poteva offrire da bere. All’epoca ero un 17enne effeminato, esile, coi capelli lunghi. Mi raccontò di essere arrivata in Italia con le amiche in autostop: la sua indipendenza mi colpì”. Il racconto prosegue: “È durata tantissimi anni. Mi diceva: tu fai le tue storie, io le mie. Venne a Foggia e mia madre per un periodo pensò che non fossi gay. Quando andavo in Inghilterra, mi portava ai concerti, mi ha fatto fumare lei la prima canna. Purtroppo è mancata per un tumore: quando l’ho saputo ho pianto per giorni. Il figlio mi ha invitata al matrimonio. Sara mi ha insegnato la libertà, l’amore per la musica, per l’arte”.

La 58enne ha anche raccontato del periodo in cui si prostituiva:  “Mi ero appena trasferita a Roma da Foggia. Però ho rielaborato la cosa con la psicologa: in realtà volevo prendermi il mio stupido ‘riscatto’ verso gli uomini che in passato avevano voluto vedermi di nascosto. Li usavo, anziché essere usata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.