Totti-Blasi: Vladimir Luxuria racconta come scoprì la crisi tra i due

Vladimir Luxuria è di nuovo opinionista de L’Isola dei Famosi 2023, affiancherà anche quest’anno Ilary Blasi al timone del reality show insieme ad Enrico Papi

In un’intervista l’opinionista Vladimir Luxuria svela: «mi piace lavorare con Ilary: è simpatica, schietta, non se la tira. Subito dopo la puntata si metteva una delle sue tutone e ci ritrovavamo in camerino a mangiare patatine e a bere un bicchiere di vino». Era un anno fa e Vladimir Luxuria fu la prima persona ad intuire della crisi tra Totti e Ilary Blasi. «Una volta le chiesi un video di Totti per la mia nipotina Giulia, tifosissima della Roma, e lei mi guardò dritta in faccia con uno sguardo triste. In quell’attimo capii tutto. Non che c’era un’altra, ma che erano in crisi seria» racconta al settimanale Gente.

Vladimir a Gente racconta anche la sua storia, quando suo padre scoprì chi era veramente suo figlio: «Fu più traumatico: mi scoprì col rossetto, gli orecchini, i capelli lunghi e l’abbigliamento da donna nella piazza centrale della mia città. Camminava con un suo amico, che non sapeva che ero suo figlio, e vidi il labiale di quel signore che, dando di gomito a mio padre, gli disse: “Guarda quel ricchione!”. Mio padre si voltò, e quel ricchione ero io. Ricordo ancora il suo sguardo, un laser che mi trafisse l’anima. Volevo sparire in una botola. Lui fece finta di niente e proseguì il suo cammino. Fu l’unica volta in cui pensai di fuggire di casa: l’avessi fatto, sarei diventata una sbandata come tante persone allora. A quei tempi l’eroina era un serial killer. Quei buchi erano voragini di solitudine».

Leggi anche–> Isola dei Famosi tra conferme e ruoli inediti: ecco i due opinionisti ufficiali

Luxuria racconta pure dei suoi flirt: «Uomini famosi sì li ho avuti, ma la scelta di dichiararsi deve essere condivisa. Non volevano. E poi sono storie finite prima che diventassero serie». E ancora: «Quelli più noti sono stati un attore. Un attore meraviglioso e due della politica».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi