Temptation Island, spunta il retroscena. Il padre di Manu: “Ci sono penali severissime”

Il padre di Manu, uno dei concorrenti più chiacchierati della corrente edizione di Temptation Island, ha rivelato dei curiosi retroscena

Manu e Isabella rappresentano una delle coppie più discusse di questa edizione di Temptation Island. Dopo aver richiesto il falò al termine della prima puntata, la coppia ha deciso di lasciare insieme la trasmissione condotta da Filippo Bisciglia su Canale Cinque. Ma sui social tutti continuano a parlare di loro. Nelle scorse ore il padre di Manue ha concesso una intervista tra le colonne del settimanale Dipiù TV, dove si è lasciato sfuggire qualche retroscena sulla trasmissione. A partire da una curiosità riguardante i due piccioncini. Manu e Isabella infatti non avranno la possibilità di riabbracciarsi fino al termine dell’edizione, quando Bisciglia svelerà nella puntata finale come sono andate le cose per le varie coppie:

“Mio figlio non la può vedere fino a quando il programma è in onda. Hanno penali severissime. Si ritroveranno a Roma per la puntata finale. Si amano, mi auguro che trovino il loro equilibrio e che mi rendano presto nonno. Sono di due mondi diversi, ma Isabella deve capire che fare il tranviere significa uno stipendio sicuro. Al giorno d’oggi è una rarità preziosa”.

LEGGI ANCHE: Oriana Marzoli ha un nuovo fidanzato dopo Daniele? Ecco la verità

A prendere la parola, sempre tra le pagine della rivista, è stato lo stesso Manuel, che ha svelato i motivi che l’hanno portato a partecipare al viaggio nei sentimenti, gentilmente offerto da Mediaset: “Non sono un ipocrita, non ho fatto Temptation Island solo per fare un’esperienza. Non ho mai mandato candidature in Tv in vita mia, era la prima volta. Io e Isabella ci abbiamo provato quasi scherzando. In futuro, nello spettacolo, spero di fare qualcosa che possa aiutarmi”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.