Strage di migranti in Calabria, 59 i morti accertati, molti sono bambini

Strage di migranti in Calabria, 59 i morti accertati, molti sono bambini

Strage di migranti in Calabria, 59 i morti accertati, molti sono bambini e tanti i dispersi. Meloni: “Profondo dolore per le tante vite umane stroncate dai trafficanti di uomini”

Una nuova tragedia del mare ha segnato la costa calabrese. Il mare ha restituito i corpi di almeno 59 migranti, ma il bilancio potrebbe essere molto più alto. Poco prima dell’alba di ieri, 26 febbraio, un peschereccio con a bordo migranti proveniente dalla Turchia  si è schiantato contro una secca a circa 100 metri dalle coste di Cutro, in Calabria.

Secondo il racconto dei superstiti, sul barcone partito 4 giorni prima erano almeno in 180, ma alcuni dicono 250. Il mare ha restituito i corpi senza vita di 59 persone, di cui 14 bambini. Circa 80 persone sono state recuperate vive, ma 21 di loro sono state portate in ospedale, una è in gravi condizioni. Quarantasei corpi sono stati trovati a Cutro, altri tre sulla spiaggia di Botricello, nel catanzarese.

Leggi anche: Stop a TikTok anche per i dipendenti pubblici italiani. A breve la decisione

Tra le vittime, provenienti da Iraq, Iran, Afghanistan e Siria, anche due gemellini e di pochi anni e un bimbo di meno di un anno. Un cittadino turco à stato fermato è identificato come presunto scafista, ma tra i relitti del barcone sarebbe stato trovato anche il documento di un altro soggetto che, risulta disperso o fuggito. La procura di Crotone indaga per omicidio colposo, immigrazione clandestina e disastro colposo.

Sulla vicenda è intervenuta la premier Meloni che ha detto: “Profondo dolore per le tante vite umane stroncate dai trafficanti di uomini”. La vicenda, aggiunge, “si commenta da sé l’azione di chi oggi specula su questi morti, dopo aver esaltato l’illusione di un’immigrazione senza regole”. Il governo, continua la Meloni, “è impegnato a impedire le partenze e con esse il consumarsi di queste tragedie, e continuerà a farlo, anzitutto esigendo il massimo della collaborazione agli Stati di partenza e di provenienza”.

Fonte immagine: https://twitter.com/caritas_milano/status/1629836947622338562/photo/1 – https://twitter.com/DiDonadice/status/1629802689126096897/photo/1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.