Sonia Bruganelli a pochi giorni dall’inizio de L’Isola dei Famosi: “Cadono le maschere”

sonia bruganelli

Sonia Bruganelli parla della sua nuova esperienza a L’Isola dei Famosi in un’intervista a Fanpage.it, le dichiarazioni

Sonia Bruganelli è tornata in televisione in qualità di opinionista nella nuova edizione de L’isola dei famosi. La Bruganelli lunedì 8 aprile ha inaugurato il suo nuovo ruolo in tv in prima serata al fianco della conduttrice Vladimir Luxuria. Sonia è stata intervistata da Fanpage.it dove si è esposta raccontando la sua nuova avventura che è appena iniziata.

LEGGI ANCHE: Mirko Brunetti rompe il silenzio su Perla

Le dichiarazioni dell’opinionista

L’opinionista ha raccontato come sta vivendo questa inedita esperienza: “Abbiamo appena iniziato, è un reality completamente diverso, i concorrenti vivono condizioni di difficoltà. Dovrò vedere con il passare del tempo e mi auguro che escano fuori i loro caratteri e le loro fragilità. D’altronde all’Isola, differentemente dal GF, devono fare i conti con una reale lotta alla sopravvivenza”.

La Bruganelli riguardo ai primi battibecchi affrontato dai naufraghi nel corso di questi primi giorni di convivenza ha aggiunto:

“Quando i concorrenti partono sono sempre presi dal buonismo, sono tutti belli e bravi, non si espongono. Per fortuna poi cadono le maschere e io alcune le ho già individuate”.

Da opinionista a concorrente, Sonia risponde decisa: “Su quell’Isola non mi vedranno mai”.

Inoltre l’opinionista riguardo i reality ha esordito:

“Se parliamo di esperimento sociale è esperimento nel momento in cui le persone non sanno quello che accade. Il primo Grande Fratello mi colpì moltissimo, tra l’altro io mi sono laureata con una tesi su quel GF, perché nella puntata finale fecero vedere ai tre ragazzi tutte le copertine dei settimanali che parlavano di loro. Ricordo ancora il povero Taricone che si vide su tutte le prime pagine dei giornali e gli prese un infarto. Poi, con il passare del tempo, è normale che l’esperimento, anche per il pubblico, non è più tale, quindi per poter mettere su uno spettacolo i toni vanno alzati, alcune cose vanno un pochino scritte”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi