Sanremo 2022, da Berrettini a Blanco: chic & choc sul palco dell’Ariston

Il palco del teatro Ariston di Sanremo apre ufficialmente i battenti! Ecco i look più interessanti e le  first reaction del pubblico 

La Kermesse più attesa dell’anno inizia la sua prima puntata targata 2022 con un mash up di stili che, nel bene e nel male, sono da sempre tratti distintivi del Festival di Sanremo.

Dalla pioniera delle tendenze Anna Oxa, però, la strada è stata tanta e il gap generazionale tra i Festival passati e quelli odierni è davvero notevole.

Facendo una carrellata tra i look sfoggiati da cantanti, ospiti e presentatori durante la prima puntata della Kermesse ligure, il primo personaggio che cattura l’attenzione del pubblico è l’eterna Orietta Berti. 

Choc, decisamente, ma Rovazzi aveva già avvisato e, dopo una prima reazione turbolenta, bisogna ammettere che la cantante ha una personalità che poche altre over 70 possono dire di avere.

Super chic, invece, il direttore artistico Amadeus con un blazer tempestato di cristalli firmato Gai Mattiolo: da far invidia alle più sfegatate fashion victim del mondo! 

Sempre bella e sempre verde Ornella Muti, ovviamente super chic nel suo abito a sirena firmato Francesco Scognamiglio. Una vera diva!

Choc, invece, Achille Lauro: che fine hanno fatto i lustrini, i volant, l’eccesso e la teatralità? Less is more non fa proprio per lui anche se, alla fine, Lauro piace sempre e comunque.

Mahmood e Blanco tra chic e choc! Al minuto uno della canzone, la coppia veniva già data per vincente con il brano Brividi: un po’ scioccante no? L’esibizione, però, è stata davvero da brividi. Chic not chic, invece, il look dei due artisti vestiti da Pierpaolo Piccioli (Valentino).

Matteo Berretini in Hugo Boss manda in visibilio fan, “sciure” dalla platea e pubblico social, scatenando reazioni sia choc che chic e ponendoci dinanzi ad un unico quesito: è possibile giocare a tennis in smoking? Il total look del campione valorizza il suo corpo atletico, altro che shorts e polo color pastello!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi