Rossano Rubicondi: emergono nuove rivelazioni e dettagli

Nella trasmissione di Pomeriggio 5, condotta da Barbara D’Urso, sono stati resi noti alcuni dettagli sulla morte e le volontà di Rubicondi

Lo scorso 29 ottobre è venuto a mancare Rossano Rubicondi. La notizia ha sconvolto il  mondo dello spettacolo italiano che non sapeva dello stato di salute non ottimo dell’uomo.

Rubicondi aveva un tumore, nello specifico un melanoma alla pelle, dal quale non è riuscita curarsi.

Da quando si è venuto a conoscenza della sua scomparsa, sono state rese note molte curiosità sull’uomo.

Nelle scorse ore, anche Pomeriggio 5, programma condotto da Barbara D’Urso se ne è occupato. L’inviata a New York, ha raccontato: «Rossano, da solo nel suo appartamento, è crollato nella doccia e poi per sei metri ha cercato di trascinarsi verso il telefono per chiamare aiuto». Un particolare che va a sommersi agli altri aneddoti e rumors che si rincorrono dal giorno della sua morte.

Anche Linda Battista, invitata in trasmissione, ha detto: «Non sapevo nulla della sua malattia, sono sconvolta. Non è possibile che abbia rinunciato a curarsi, amava troppo la vita. Mi sembra assurdo perché lo conoscevo bene».

Leggi anche: ROSSANO RUBICONDI: LE ULTIME VOLONTÀ SVELATE DAI GENITORI

In ultimo, Silvio Sardi, testimone di nozze di Rossano Rubicondi con Ivana Trump, ha condiviso dei particolari legati alla malattia.

«Ho saputo all’inizio di questa estate che stava male, l’ho contattato e gli ho detto “vieni in Italia, ti aiuto, combattiamo insieme questa bestia” Ha confidato. Alla proposta, Rossano Rubicondi ha risposto con un messaggio su Whatsapp: “Ti voglio bene, so che anche tu mi vuoi bene ma sono stanco di combattere”. 

Silvio Sardi ha voluto precisare: «All’inizio Rossano aveva sottovalutato la macchia sulla pelle, pensando non fosse nulla di grave. Poi, quando ha saputo di essere al quarto stadio, con metastasi diffuse ovunque, passato un primo momento in cui pensava di farcela, mi aveva scritto che non aveva più voglia di combattere».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi