Referendum Giustizia, i quesiti ammessi e quelli bocciati

Referendum Giustizia, i quesiti ammessi e quelli bocciati

Referendum Giustizia, i quesiti ammessi e quelli bocciati. Giuliano Amato spiega il perché della non ammissibilità di tre quesiti

La Corte Costituzionale si è espressa in merito ai referendum proposti. Degli otto quesiti esaminati tre sono stati bocciati. Si tratta di quello sull’eutanasia, di quello sulla responsabilità civile dei magistrati e quello sulla legalizzazione della cannabis.

I tre quesiti sono stati ritenuti inammissibili. Se nel primo caso, il quesito è contro i principi costituzionali, il secondo avrebbe chiamato direttamente in causa i magistrati per gli errori giudiziari. Nel terzo caso, invece, non trattava solo la cannabis, ma era “sulle sostanze stupefacenti”. In questo caso, ha detto Giuliano Amato, presidente della Corte Costituzionale: “si faceva riferimento a sostanze che includono papavero, coca, le cosiddette droghe pesanti. E questo era sufficiente a farci violare obblighi internazionali”.

Leggi anche: MARCO CASTELLANO, EX PERSONAL TRAINER DI AMICI, CONDANNATO PER VIOLENZA SESSUALE

Sul fine vita, dice Amato: «L’hanno dipinto come un referendum sull’eutanasia, mentre era sull’omicidio del consenziente, e formulato in modo da estendersi a situazioni del tutto diverse da quelle per cui pensiamo possa applicarsi l’eutanasia. Un risultato costituzionalmente inammissibile».

Sulle tre bocciature, conclude il presidente della Corte, Amato: «Non possiamo correggere quesiti mal formulati».

Sono cinque i quesiti referendari ammessi dalla Corte Costituzionale: l’abrogazione delle disposizioni in materia di insindacabilità, la limitazione delle misure cautelari, la separazione delle funzioni dei magistrati, l’eliminazione delle liste di presentatori per l’elezione dei togati del Csm, il voto degli avvocati sui magistrati.

“I suddetti quesiti – si spiega nella nota – sono stati ritenuti ammissibili perché le rispettive richieste non rientrano in alcuna delle ipotesi per le quali l’ordinamento costituzionale esclude il ricorso all’istituto referendario”.

Fonte immagine: https://pixabay.com/it/photos/martelletto-asta-martello-giustizia-3577255/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.