Premi Gambero Rosso, nella Guida Ristoranti d’Italia Moët & Chandon celebra i talenti con il premio “Tradizione Futura”

Premi Gambero Rosso: nella Guida Ristoranti d’Italia Moët & Chandon celebra i talenti con il premio “Tradizione Futura”, nella Guida Vini d’Italia, Velenosi vince il Solidarity Project Award con L’Orto di Paolo

Roma, 16 ottobre 2023 – In occasione della presentazione della Guida ai Ristoranti d’Italia 2024, si è rinnovata la collaborazione tra Moët & Chandon e Gambero Rosso che, per il terzo anno consecutivo, hanno conferito a dieci giovani talenti della gastronomia il premio speciale “Tradizione Futura”.

Il riconoscimento celebra chef, senza distinzione di genere o provenienza geografica, che con la loro visione, la loro creatività e il loro rigore d’esecuzione hanno saputo proporre un’interpretazione originale ma allo stesso tempo coerente della grande tradizione culinaria d’Italia.

 

LEGGI ANCHE: Grande Fratello, scatta la pace tra due inquilini

A salire sul palco per ritirare il premio speciale “Tradizione Futura” sono stati, in ordine alfabetico: ANNA BARBINA di AB Osteria Contemporanea di Mortegliano, MAGDALENA BUCSYNSKA di Restaqmme a Napoli, MATTEO DELVAI dell’Atelier Moessmer Norbert Niederkofler di Brunico, NICOLETTA FRANCESCHINI del Silene Piccolo Ristorante a Foligno, FREDERIK LASSO del Zunica 1880 di Civitella del Tronto, GIACOMO LOVATO di Borgia – Milano a Milano, DARIO PANDOLFO del Cala Luna de Le Calette Hotel di Cefalù, GUIDO PATERNOLLO del Pellico 3 del Park Hyatt Milano, GIOVANNI RIGONI del Zanze XVI a Venezia, EDOARDO TILLI e KLODIANA KARAFILAJ del Podere Belvedere Tuscany di Pontassieve.

Le dieci nuove promesse della cucina italiana condividono con Moët & Chandon gli stessi principi con i quali il visionario Claude Moët fondò la Maison nel 1743: tensione all’innovazione, talento, impegno. E un comune desiderio di offrire nuove espressioni e modalità di degustazione di classici intramontabili, che sia un piatto o un calice di Champagne.

Fedele a quei valori che ne permeano l’agire da 280 anni, la scelta di sostenere un premio come “Tradizione Futura” rappresenta per Moët & Chandon una naturale estensione del proprio impegno a favore della piena espressione delle proprie competenze, che abbraccia anche temi come quello della sostenibilità e dell’inclusione.

Ai giovani interpreti della ristorazione nostrana Moët & Chandon dedica il proprio brindisi per il traguardo raggiunto, come fa ogni giorno in tutto il mondo, accompagnando momenti memorabili della vita grazie a vini unici che combinano vivace fruttato, palato seducente ed elegante maturità.

“Nei suoi 280 anni di vita, la nostra Maison si è sempre impegnata nel riscrivere i codici stessi del savoir- vin in Champagne”, spiega Carola Braggio, Senior Brand Manager di Moët & Chandon. “Un percorso simile a quello intrapreso dagli chef a cui, da tre anni, assegniamo insieme a Gambero Rosso il premio speciale ‘Tradizione Futura’, che rappresenta per noi un’ulteriore occasione per valorizzare l’eccellenza espressa dell’alta gastronomia italiana, che da sempre dialoga in maniera perfetta con i nostri Champagne”.

Per ulteriori informazioni su Moët & Chandon: www.moet.com.

MOËT & CHANDON
Moët & Chandon è stata fondata nel 1743 da Claude Moët e portata alla fama internazionale dal suo discendente, Jean-Rémy Moët, che sognava di “condividere la magia dello Champagne con il mondo”. Dalla corte reale al red carpet, dallo Studio 54 al Grande Slam, Moët & Chandon da sempre riunisce le persone per celebrare momenti emozionanti, magici e straordinari. Con i vigneti più vasti e diversificati della regione, la Maison offre un portfolio universale e versatile di Champagne per ogni occasione e palato. Facile da amare, ogni creazione – dall’iconico Moët Impérial alla raffinata Grand Vintage Collection, dall’affascinante Moët Rosé Impérial al rinfrescante Moët Ice Impérial – stupisce e incanta con un’ampia gamma di sapori e aromi per catturare l’ampiezza sorprendente del suo terroir. Attraverso Natura Nostra, il programma di sostenibilità a lungo termine di Moët & Chandon, la Maison lavora per proteggere la biodiversità nella regione e, dal 2009, Moët & Chandon sostiene anche iniziative filantropiche attraverso Toast for a Cause. Per quasi tre secoli, Moët & Chandon è stato lo Champagne d’elezione per celebrare momenti storici o momenti privati di grande importanza, sottolineando ogni brindisi con un tocco di effervescenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi