Pino Insegno torna a Reazione a Catena: «Meloni? non rinnego amicizia»

Pino Insegno

Dopo il mancato successo de l’Eredità

È atteso il ritorno di Pino Insegno sui canali Rai. Dopo l’esperimento fallito de l’Eredità, il conduttore torna al timone di Reazione a Catena.

Oggi ne ha parlato in un’intervista a La Stampa: «la vera novità sono io che torno dopo otto anni al timone».

Poi si sofferma su Amadeus e sulle pressioni che la Premier avrebbe fatto per farli cenare insieme. Insegno è categorico: «Fake news. Ma le pare che Meloni telefoni per chiedere queste cose? E poi, a che scopo? Tra l’altro io e Amadeus siamo amici. Avoja a fare cene insieme. Non c’è stata nessuna pressione politica nemmeno per Mercante in fiera: io non smaniavo certo per andare avanti. Quando stai perdendo 5 a 0, forse conviene fingersi infortunato e uscire. Restare in campo è stato faticoso. Avevo accettato il programma perché avevo voglia di tornare a giocare in tv: mai avrei immaginato tutti quegli attacchi frontali. Era il mio primo flop in 40 anni di carriera, in una fascia dove era impossibile fare meglio».

Leggi anche: Scintille tra Meloni e De Luca: la Premier si presenta con “Sono la St****a”

Poi parla proprio della Meloni e del rapporto con lei.  «Perché devo rinnegare un’amicizia? Tra l’altro non c’è un uomo più democristiano di me. Quando aprii la prima Accademia d’Arte gratuita ringraziando l’allora presidente della Regione Lazio Francesco Storace, nessuno disse nulla. Appoggiai anche Renato Nicolini a Roma, che era di Rifondazione comunista, ma non mi importava: era bravo, diede vita all’Estate romana. Sono amico pure di Rutelli e Walter Veltroni. Poi però vado dalla Meloni e casca il mondo».

Poi Insegno spiega di aver appoggiato «Giorgia Meloni, come singola persona, perché so chi è e approvo quello che fa. Poi se qualcuno del suo partito sbaglia qualcosa, sono problemi suoi: non è che io appoggio tutti quanti. Ho solo scelto una persona, che peraltro poi è stata eletta. Eppure si è parlato meno della Ferragni che di me, e senza che io facessi nulla di grave».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi