Omicidio-suicidio di Laura Lupo e Pietro Delia. Oggi i funerali

Omicidio-suicidio di Laura Lupo e Pietro Delia. Oggi i funerali

Omicidio-suicidio di Laura Lupo e Pietro Delia. Oggi i funerali della coppia morta lo scorso 4 maggio

Un giorno di dolore a Palermo per l’ultimo saluto a Laura Lupo e Pietro Delia, la coppia trovata senza vita lo scorso 4 maggio nel loro appartamento in via Notarbartolo.

I funerali si sono svolti questa mattina nella chiesa di Sant’Eugenio Papa di piazza Europa a Palermo, gremita di parenti, amici e colleghi delle vittime. Un clima di profondo cordoglio ha avvolto la cerimonia. In un primo momento sembrava che le due famiglie volessero svolgere funzioni religiose distinte, ma poi è prevalso il parere dei figli della coppia che da circa un anno si era riunita dopo tre anni di separazione.

La donna, 59 anni, agente della polizia municipale, era conosciuta e stimata per il suo impegno nel lavoro e per la sua disponibilità verso gli altri. Il marito, 66 anni, commercialista, era un uomo affabile.

Ancora da chiarire i contorni della tragedia. L’ipotesi più accreditata è quella dell’omicidio-suicidio: Laura avrebbe ucciso il marito con la sua pistola d’ordinanza e poi si sarebbe tolta la vita. Tuttavia, alcuni aspetti della vicenda restano ancora da chiarire, come ad esempio abbia fatto ad esplodere due colpi contro di sé. Ad evidenziare l’incongruenza sarebbe la consulenza del medico legale ha posto alcuni interrogativi sulla dinamica su quanto accaduto. Sulla vicenda sono ancora in corso le indagini. La Procura di Palermo ha aperto un fascicolo per omicidio colposo e suicidio, ma non si escludono altre piste investigative.

Leggi anche: Giulia Duro, apprensione per la 19enne scomparsa a Palermo

Il tragico epilogo di via Notarbartolo ha lasciato un profondo segno nella comunità palermitana. La scomparsa di Laura e Pietro rappresenta un immenso dolore per le loro famiglie e per tutti coloro che li conoscevano. Un monito a riflettere sulle fragilità della vita e sulla necessità di essere sempre più vicini alle persone che ci stanno accanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi