Oltre il gossip, Can Yaman compie un grande gesto di solidarietà

Nonostante le chiacchiere e il gossip, Can Yaman decide di compiere un grande gesto di solidarietà che non passa inosservato

Can Yaman: cuore grande, anzi grandissimo. Nonostante sia al centro del gossip ogni giorno per la sua storia d’amore con Diletta Leotta e per tutte le chiacchiere che si sono susseguite dopo le esternazioni della conduttrice di Dazn sul giornalismo spazzatura, l’attore turco è stato protagonista di un gesto di solidarietà.

Can Yaman ha fatto visita al reparto Oncologico Pediatrico dell’Umberto I di Roma, nel silenzio generale. La sorpresa sembrerebbe essere piaciuta ai piccoli pazienti che hanno fatto a gara per poter avere un selfie con l’attore più chiacchierato e desiderato del momento. Un gesto che dice molto dell’uomo Can Yaman, oltre l’attore e il personaggio pubblico.

Can Yaman non è nuovo ai gesti di solidarietà. Infatti, quando era in Turchia, tramite il suo fandom, ha aiutato due bambini Pamir e Giovanni, affetti da una rara malattia. Grazie ai soldi raccolti e alla vendita di alcuni indumenti iconici dell’attore turco, i due hanno potuto sostenere le gravose spese per le cure.

Non deve stupire questo gesto fatto da Can Yaman che si dimostra e si conferma attento alle necessità dei più fragili e dei più deboli, mettendosi in gioco in prima persona e facendo la sua parte, consapevole di quanto la vita gli ha dato tanto e che è giusto condividere e aiutare, se possibile.

L’attore turco, al momento impegnato nella serie Sandokan nella quale è il protagonista, sarà presto su Canale 5 con la serie “Mr Wrong”, nella quale vestirà i panni di un playboy che si ravvederà per l’amore di una ragazza incontrata per caso.

Insomma, la vita di Can Yaman procede spedita tra indiscrezioni sulla sua vita personale e molti impegni lavorativi che a tempo debito saranno svelati.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.