Natisone: riprese le ricerche di Cristian, il 25enne disperso nella piena

Natisone riprese le ricerche di Cristian, il 25enne disperso nella piena

Natisone: riprese le ricerche di Cristian, il 25enne disperso nella piena. in campo 80 persone tra vigili del fuoco, sommozzatori, elicotteri

Ancora nessuna traccia di Cristian Casiar Molnar, il 25enne romeno disperso da venerdì scorso nel fiume Natisone. Le ricerche, giunte al sesto giorno, procedono senza sosta, ma le speranze di ritrovare il giovane vivo si fanno sempre più flebili.

Cristian era in compagnia di due amiche, Patrizia Cormos e Bianca Doros, quando è stato travolto dalla furia del fiume durante una improvvisa piena. I corpi delle due ragazze sono stati ritrovati nei giorni successivi, mentre di Cristian si è persa ogni traccia.

Le ricerche si sono concentrate fin da subito lungo il corso del Natisone, con l’impiego di vigili del fuoco, sommozzatori, elicotteri e droni. Nelle prime fasi, le operazioni sono state rese difficoltose dalla portata d’acqua ancora elevata e dalla corrente impetuosa.

Negli ultimi giorni, il livello del fiume è sceso notevolmente, facilitando le ricerche via terra. I soccorritori hanno battuto palmo a palmo le rive del Natisone e la vegetazione circostante, utilizzando anche metal detector per individuare eventuali oggetti che potrebbero appartenere al giovane disperso.

Martedì pomeriggio è stato ritrovato un indumento compatibile con quelli indossati da Cristian nei pressi di una centrale idroelettrica a circa otto chilometri dal punto in cui i tre amici sono stati travolti dall’acqua. Un barlume di speranza che ha spinto i soccorritori a intensificare le ricerche in quell’area.

Leggi anche: Hamas rifiuta l’accordo di cessate il fuoco, ecco i motivi

Nonostante il passare dei giorni e le poche speranze di ritrovare Cristian vivo, la famiglia, gli amici e l’intera comunità continuano a sperare in un miracolo. Le ricerche proseguono senza sosta, con l’impegno di tutti i soccorritori e il sostegno di chi segue con apprensione questa drammatica vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi