Morte Mattia Giani, la rabbia del padre

Mattia Giani

Il calciatore si è spento a soli 26 anni

Un malore in campo e il cuore e la vita di Mattia Giani, di 26 anni si è fermata. Il calciatore è venuto a mancare mentre era in corso la partita del campionato di Eccellenza toscana tra Lanciotto e Castelfiorentino United a Campi Bisenzio (Firenze).

L’attaccante è stato poi trasportato all’ospedale Careggi dopo un primo intervento del massaggiatore del Castelfiorentino del 118 a cui è seguito il trasporto disperato in ospedale.

Non ci sarebbe stata però, stando alle prime ricostruzioni, una ambulanza fuori dallo stadio.

Il padre di Mattia Savi, Sandro ha così parlato a Corriere della Sera.

“Siamo distrutti ma ora vogliamo la verità: presenteremo una querela perché vogliamo capire come è morto nostro figlio. Come è morto Mattia? È quello che vogliamo sapere. Io so solo che il medico su quel campo non c’era. E che la prima ambulanza del 118 è arrivata senza medico dopo 15 minuti. E che nel frattempo il massaggiatore del Castelfiorentino ha provato a rianimare mio figlio e che poi è scesa una spettatrice dagli spalti che lavora come infermiera per dare una mano. Il defibrillatore c’era ma è stato usato solo dal medico trasportato dalla seconda ambulanza. Si può morire così?”.

Ora toccherà alla procura capire cosa fare e se vi sono responsabilità specifiche.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi