Medio Oriente, Biden: “La nostra risposta è iniziata oggi”

Medio Oriente, Biden La nostra risposta è iniziata oggi

Medio Oriente, Biden:  “La nostra risposta è iniziata oggi. Continuerà nei tempi e nei luoghi di nostra scelta”

Raid aerei sono avvenuti la scorsa notte in Siria e Iraq per colpire le milizie alleate dell’Iran. A condurre i raid sono stati gli Stati Uniti che hanno rivendicato l’azione. Il presidente Usa Joe Biden ha dichiarato che gli Stati Uniti non vogliono il conflitto in Medio Oriente, ma che risponderanno se viene toccato “un americano”.

In una nota ufficiale gli Stati Uniti hanno confermato gli attacchi: “Le forze del Comando Centrale degli Stati Uniti (CENTCOM) hanno condotto attacchi aerei in Iraq e Siria contro la Forza Quds del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica iraniana (IRGC) e gruppi di milizie affiliati. Le forze militari statunitensi hanno colpito più di 85 obiettivi, con numerosi velivoli tra cui bombardieri a lungo raggio volati dagli Stati Uniti. Gli attacchi aerei impiegarono più di 125 munizioni di precisione. Le strutture colpite includevano operazioni di comando e controllo, centri, centri di intelligence, razzi e missili e depositi di veicoli aerei senza pilota e strutture logistiche e della catena di approvvigionamento di munizioni dei gruppi di milizie e dei loro sponsor dell’IRGC che hanno facilitato gli attacchi contro le forze statunitensi e della coalizione”.

“La nostra risposta è iniziata oggi. Continuerà nei tempi e nei luoghi di nostra scelta”, ha affermato Biden, che continua “Gli Stati Uniti non cercano il conflitto in Medio Oriente o in qualsiasi altra parte del mondo. Ma tutti coloro che potrebbero cercare di farci del male sappiano questo: se fai del male a un americano, risponderemo”.

Leggi anche: Ilaria Salis dal carcere: «Io sto male e vorrei tornare a casa»

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha tenuto a precisare che gli attacchi aerei contro la Siria sono stati “selezionati attentamente” per evitare vittime civili. “Gli obiettivi sono stati selezionati attentamente per evitare vittime civili e sulla base di prove chiare e inconfutabili”, ha detto Kirby, “erano collegati ad attacchi contro il personale americano nella regione”.

Fonte immagine: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=420447717226395&set=pb.100077835098866.-2207520000&type=3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.