Marco Borriello: “Con Belen? La storia più importante della mia vita”

L’ex attaccante del Milan Marco Borriello oggi vive a Ibiza e in un’intervista al Corriere della Sera ha svelato che con Belen ha vissuto la storia più importante della sua vita. Le sue parole 

«Solo a Milano e al Milan ci sarei rimasto per sempre, ma non è stato possibile». Oggi Marco Borriello vive a Ibiza, dove ha giocato prima nella squadra locale, poi è diventato dirigente e racconta di stare bene in un’intervista al Corriere della Sera. «Ho scelto di non avere più padroni. Ho una piccola quota dell’Ibiza calcio: sono consigliere e ambassador del club. Mi piace anche il mondo della finanza e del real estate…». E ancora: «Credo di aver guadagnato 30 milioni. Non mi sono fatto mancare niente, ho avuto una vita costosa e dispendiosa ma sono riuscito a salvare il patrimonio».

Sulla sua vita privata svela che ha scelto di stare con se stesso: «Tutte le mattine mi alzo, mi guardo allo specchio e mi dico “ti amo” (ride, ndr). Ho avuto storie in passato ma ho scelto me e ho fatto bene. Quando ho voglia e l’occasione mi vivo l’emozione. In futuro vorrei lasciare il mio dna, un figlio è importante».

Borriello non si ancora voluto sposare e al Corriere ha svelato il motivo di questa scelta, prendendo come riferimento i suoi colleghi: «Si sposano giovanissimi e poi partono i tradimenti. Scoppiano tutti, restano i figli che sono la cosa più bella. Sarò anche egoista ma resto coerente con la vita che voglio avere».

Leggi anche–> Isola 17, superata la crisi tra Simone e Alessandro? Le parole del naufrago a Fiore

Il quasi 41enne fornisce anche l’identikit della sua donna ideale: «L’aspetto estetico è il primo che mi colpisce. Ma in questa fase conta anche il fattore cerebrale».

Borriello e Belen Rodriguez: la storia più importante

«È stata una storia d’amore acerba, immatura, fra due ragazzi. Se ci incontriamo a Milano l’abbraccio, è una ragazza solare e divertente. Comunque è stata la relazione più importante della mia vita, è durata quattro anni e mezzo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi