Lino Guanciale un anno d’amore e un figlio in arrivo

Un anno di matrimonio e un bebè in arrivo per Lino Guanciale e Antonella Luizzi

Lino Guanciale e Antonella Luizzi si sono sposati un anno fa e adesso stando ai rumors la bella Antonella starebbe aspettando un figlio dall’attore. A svelare la notizia è il settimanale Oggi. La gravidanza avrebbe già superato i primi mesi e la nascita del loro primo fig La coppia riservatissima al punto di essersi sposata in gran segreto a luglio scorso a Roma, città dove vivono l’attore e la moglie.

A dare la notizia i primi giorni di giugno era stata la rivista Diva e Donna: i due passeggiavano mano nella mano con sosta al bar tra baci e coccole ma a destare l’attenzione era stato appunto il pancino sospetto di Antonella.

Leggi anche–> Paolo Berlusconi e Maddalena Corvaglia è sbocciato l’amore: presentazioni in famiglia 

Lino e Antonella si sono conosciuti alla fine del 2018, quando l’attore ha interrotto la lunga relazione con la collega Antonietta Bello. Lontana dal mondo dello spettacolo, Antonella Liuzzi è un’insegnante universitaria della Bocconi di Milano. Proprio a Milano la coppia si è conosciuta. Lei è laureata in Economia per l’Arte, la Cultura e la Comunicazione presso l’Università Bocconi, In più oltre ad essere docente presso la Bocconi, è anche socia e presidente del consiglio di amministrazione di ‘GreenBlu’, una società attiva nella proprietà e nella gestione di strutture alberghiere.

Nel frattempo Lino Guanciale torna in tour con “Non svegliate lo spettatore”, dopo il successo di “Itaca… il viaggio”. E a proposito di teatro, in un post recente sul suo account Instagram, l’attore ha affermato: «Il teatro è necessario perché è libertà.
Libertà di pensiero, di parola, di espressione. Quando a 19 anni ho calcato il mio primo palcoscenico ho sentito una sensazione di libertà mai provata prima, ed è proprio quella sensazione che cerco ogni volta che vado in scena.
Un anno di pandemia ha accresciuto questo desiderio di libertà, e ha sottolineato anche il bisogno di tutela strutturata e strutturale per chi fa questo mestiere in tutti i ruoli e a tutti i livelli.».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi