L’Agcom avvia un’istruttoria nei confronti del GF Vip | Ecco perché

Dopo le segnalazioni, l’Agcom ha avviato i controlli sui presunti voti irregolari

La quinta edizione del reality Grande Fratello Vip è finita sotto la lente di ingrandimento dell’Agcom, che ha avviato un’istruttoria dopo le segnalazioni da parte di molti telespettatori su presunte irregolarità nel voto. Voti provenienti dal Brasile, che avrebbero favorito le due amiche Dayane Mello e Rosalinda Cannavò.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Grande Fratello (@grandefratellotv)

IL comunicato stampa dell’Agcom

“L’Autorità – si legge nel comunicato pubblicato dall’Agcom – in considerazione delle numerose segnalazioni ricevute e alle diffuse notizie di stampa in ordine a presunte irregolarità concernenti il televoto nell’ambito della edizione autunno 2020 della trasmissione Grande Fratello VIP, ha avviato una istruttoria per verificare con quali strumenti la produzione assicuri la corretta applicazione di quanto stabilito dall’art. 5, comma 1-bis, del Regolamento approvato con delibera n. 38/11/CONS, con riferimento all’identificazione dell’utente votante e la tracciabilità dei voti a garanzia del rispetto del numero massimo di voti previsto al comma 2 del medesimo articolo, nonché sulla possibilità di esprimere voti anche dall’estero e come questa eventuale possibilità si concili con la riserva, espressa nel Regolamento del televoto, ai soli utenti residenti in Italia della facoltà di esprimere preferenze”.

Il televoto e le presunte irregolarità

A denunciare le presunte irregolarità è stato il pubblico e riguarderebbero le due concorrenti Dayane Mello, che avrebbe ricevuto voti dal Brasile, e Rosalinda Cannavò, che li avrebbe ricevuti dalla Spagna. Da qui il sospetto che ci siano dietro account falsi con lo scopo di favorire la modella brasiliana e l’attrice siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.