La Corte di Giustizia Ue interviene sull’uso del velo islamico al lavoro

La Corte di Giustizia Ue interviene sull'uso del velo islamico al lavoro

La Corte di Giustizia Ue interviene sull’uso del velo islamico al lavoro e su altri simboli. Ecco le motivazioni della sentenza

La Corte di Giustizia Ue interviene sull’uso del velo al lavoro  e sugli altri simboli religiosi con una sentenza, che potrebbe accendere il dibattito internazionale.

Secondo i giudici di Lussemburgo le regole di lavoro che vengono adottate internamente in un’impresa in riferimento al divieto di indossare simboli religiosi, ma anche filosofici o spirituali “non costituisce una discriminazione diretta se applicata in maniera generale e indiscriminata”.

La sentenza arriva al termine di un caso di una donna belga di fede musulmana. Alla donna era stato negato un contratto di tirocinio per aver rifiutato di togliere il velo, richiesta che rispondeva alla necessità di conformare tutti i dipendenti alla politica di neutralità dell’azienda.

Leggi anche: CAMERA E SENATO, APERTE LE VOTAZIONI. SEGRE: “ADEMPIERE AL NOSTRO UFFICIO CON DISCIPLINA E ONORE”

Nelle motivazioni della sentenza si legge che “la religione e le convinzioni personali devono essere considerate un solo e unico motivo di discriminazione, altrimenti pregiudicando il quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro stabilito dal diritto dell’Unione” e dunque, ai sensi del diritto comunitario, “una disposizione di un regolamento di lavoro di un’impresa che vieta ai dipendenti di manifestare verbalmente, con l’abbigliamento o in qualsiasi altro modo, le loro convinzioni religiose o filosofiche, di qualsiasi tipo, non costituisce, nei confronti dei dipendenti che intendono esercitare la loro libertà di religione e di coscienza indossando visibilmente un segno o un indumento con connotazione religiosa, una discriminazione diretta ‘basata sulla religione o sulle convinzioni personali’, a condizione che la disposizione sia applicata in maniera generale e indiscriminata”.

Fonte immagine: https://pixabay.com/it/photos/hijab-bellezza-islam-ritratto-moda-5009607/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto di questo sito è protetto da Copyright.