Italia – Inghilterra: Diletta Leotta racconta un aneddoto su Mancini

In un’intervista rilasciata a Sportweek, Diletta Leotta ha raccontato i suoi Euro 2020 tra aneddoti e preferenze

Diletta Leotta ha rilasciato un’intervista a Sportweek nella quale ha raccontato i suoi personali Europei 2020.

La conduttrice, confermata volto di punta della piattaforma di Dazn con le recenti presentazioni del palinsesto e dei nuovi protagonisti, ha confidato di avere un giocatore preferito della nazionale.

“Ha un nome e un cognome: Leonardo Spinazzola. Vederlo uscire in lacrime è stato un colpo al cuore: è un esempio di coraggio e lotta, il simbolo dell’Italia. Facciamo il tifo per lui perché torni più presto possibile e al suo livello” ha dichiarato la conduttrice che ha visto in Spinazzolata un esempio e un giocatore che ha saputo dare grinta e coraggio alla squadra.

Inoltre, Diletta Leotta ha raccontato che aver potuto assistere alla gara di apertura di Euro 2020 allo stadio insieme al fidanzato Can Yaman senza lavorare è stato “godimento puro”.

Inoltre, la conduttrice di Dazn ha voluto svelare un aneddoto legato a Roberto Mancini, allenatore della Nazionale di calcio: “Mancini, assieme a Vialli, ha creato una squadra, una squadra vera e propria. Non ci sono superstar, ma tanti fratelli che si vogliono bene nel profondo. Stavolta a stella della squadra è proprio il CT: Mancini ha un’eleganza innata in tutto quello che fa, resta sempre un vero signore. Anche quando abbiamo giocato a padel ed era sudato, sembrava vestito in giacca e cravatta”.

In ultimo, Diletta Leotta è tornata ai suoi inizi per confidare qual è il sogno suo più grande: “Essere super partes è difficile, ma io resterò sempre una tifosa del Catania. Anzi, proprio da quella passione è arrivata la voglia di fare questo lavoro. Pensate, ero al Barbera per uno storico derby vinto da noi 4-0 con tiro al volo di Mascara da centrocampo. Ora sogno di tornare al Massimino da inviata per una partita di Serie A”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi