Israele, si cerca Sinwar, il capo di Hamas. Ecco il suo profilo

Israele, si cerca Sinwar, il capo di Hamas. Ecco il suo profilo

Israele, si cerca Sinwar, il capo di Hamas. Ecco il suo profilo e quello che si sa della sua vita fino ai vertici di Hamas

I servizi segreti sono al lavoro per cercare di individuare dove sia Yahia Sinwar, il capo di Hamas dentro Gaza, e soprattutto per capire meglio quale sia il suo profilo psicologico, attraverso l’osservazione della gestualità e dei comportamenti.

«Il modo in cui cammina per le strade — commenta una fonte al quotidiano Haaretz riportata da Corriere.it —, il fatto che accetti di immergersi tra la gente, di lasciarsi toccare. Sono tutti elementi nuovi. Sta creando il suo mito personale, parla di sé come il prescelto da Dio: è lui che deve combattere per Gerusalemme in nome dei musulmani».

Yahya Sinwar: il capo di Hamas

Yahya Sinwar è il capo di Hamas nella Striscia di Gaza. Nato a Khan Yunis nel 1962, Sinwar è un veterano di Hamas e ha trascorso 24 anni in prigione israeliana. È stato liberato nel 2011 nell’ambito dello scambio di prigionieri che ha portato alla liberazione del soldato israeliano Gilad Shalit. Sinwar è considerato un esponente della linea dura di Hamas. È un sostenitore della resistenza armata contro Israele e si è sempre opposto a qualsiasi forma di negoziato con lo Stato ebraico. Dopo la sua elezione a capo di Hamas a Gaza nel 2017, Sinwar ha consolidato il suo potere all’interno del movimento. Ha represso l’opposizione interna e ha rafforzato il controllo di Hamas sulla Striscia di Gaza. Sinwar è una figura controversa. È visto come un leader carismatico e determinato, ma è anche criticato per la sua intransigenza e per la sua leadership autoritaria.

Biografia

Yahya Sinwar è nato nel campo profughi di Khan Yunis nel 1962. Sua famiglia è originaria di Al-Majdal Asqalan, una città palestinese che fu conquistata da Israele durante la guerra arabo-israeliana del 1948. Sinwar si è unito a Hamas negli anni ’80 e ha rapidamente scalato le gerarchie del movimento. Nel 1988, ha contribuito a fondare le Brigate Izz al-Din al-Qassam, l’ala militare di Hamas. Venne arrestato per la prima volta da Israele nel 1989. È stato condannato a 30 anni di carcere per terrorismo e ha trascorso la maggior parte dei successivi 24 anni in prigione. Poi è stato rilasciato nel 2011 nell’ambito dello scambio di prigionieri che ha portato alla liberazione del soldato israeliano Gilad Shalit.

Leggi anche: Giulia Tramontano: “era ancora viva dopo 9 coltellate”

Leadership di Hamas

Dopo il suo rilascio dalla prigione, Sinwar è diventato un leader importante all’interno di Hamas. È stato eletto membro del Politburo di Hamas nel 2013 e ha assunto la guida di Hamas a Gaza nel 2017. Sinwar è considerato un esponente della linea dura di Hamas. È un sostenitore della resistenza armata contro Israele e si è sempre opposto a qualsiasi forma di negoziato con lo Stato ebraico. Dopo la sua elezione a capo di Hamas, Sinwar ha consolidato il suo potere all’interno del movimento. Ha represso l’opposizione interna e ha rafforzato il controllo di Hamas sulla Striscia di Gaza. Sinwar è una figura controversa. È visto come un leader carismatico e determinato, ma è anche criticato per la sua intransigenza e per la sua leadership autoritaria.

Rapporti con Israele

Sinwar ha ripetutamente dichiarato che Hamas non riconoscerà mai lo Stato di Israele. Ha anche affermato che Hamas continuerà a combattere per la liberazione della Palestina, compresa la Striscia di Gaza. Questa posizione intransigente ha reso difficile qualsiasi negoziato tra Hamas e Israele. I due gruppi hanno combattuto tre guerre negli ultimi 15 anni e non ci sono segni che la situazione possa cambiare presto.

Conclusione

Yahya Sinwar è una figura chiave nella politica palestinese. È il capo di Hamas nella Striscia di Gaza e la sua leadership ha un impatto significativo sulla regione. Sinwar è un esponente della linea dura di Hamas e la sua posizione intransigente rende difficile qualsiasi negoziato con Israele. La sua leadership sarà quindi probabilmente determinante per il futuro del conflitto israelo-palestinese.

Fonte immagine: https://twitter.com/dariodangelo91/status/1721630677848756543/photo/1 – https://twitter.com/1Koyaanisqatsi/status/1722217729468580285/photo/1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi