Isola dei famosi, domande scottanti per Cristina: due naufraghi sotto attacco

Cristina Scuccia si apre a L’Isola dei famosi: le domande scottanti però finiscono nel mirino. Attaccati due naufraghi

Cristina Scuccia continua a essere uno dei personaggi più chiacchierati della corrente edizione de L’isola dei famosi. L’ex suora è una della mattatrici in Honduras e non si fa altro che parlare di lei in Italia, sia nei vari programmi che sui social, dove la Scuccia termina spesso e volentieri in tendenza. Nelle ultime ore la siciliana si è aperta ancora di più e sta facendo scoprire ai milioni di appassionati della trasmissione tantissimi suoi lati inediti.

A sottoporla a un’intervista ci hanno pensato Marco Mazzoli e Paolo Noise, altri due concorrenti che a L’isola di Ilary Blasi non si stanno certo nascondendo. I due speaker hanno voluto tirare fuori qualche verità dalla bocca di Cristina, peccato che secondo utenti social le domande siano state anche troppo piccanti e alcune ritenute addirittura fuori luogo.

Per esempio, i due hanno provato a chiedere alla Scuccia se avesse perso la verginità, oltre a fare nuove allusioni quando Cristina ha ammesso di aver vissuto un’adolescenza uguale a quella dei suoi coetanei, prima della vocazione.

“Ma che senso ha chiederle se è vergine o no? Ancora nel 2023 un uomo chiede ad una donna se è vergine o no?”, “Interessa solo quello, sapere se è vergine o no” sono alcune delle critiche mosse dai social verso Noise e Mazzoli, che in realtà non hanno fatto altro che riportare sull’Isola quanto propongono quotidianamente a Lo zoo di 105, senza mancare di rispetto. E tanti altri infatti hanno capito le intenzioni dei due: “Sono dei geni”, “Sanno come animare questo reality”.

LEGGI ANCHE: Oriana Marzoli parla di Daniele a Supervivientes: “Non siamo ancora fidanzati”

La Scuccia ha poi ammesso di aver incontrato difficoltà nel vivere i rapporti: “Per me avere un fidanzato era un grande impegno, non mi interessava proprio. Ho avuto un’adolescenza normale come quella di tutti gli altri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo si chiuderà in 0 secondi